Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Migliorelli, da Bergamo a Siena: “Sogno il ritorno, Barrow super”

Compagno in Primavera del gambiano, l’esterno mancino ricorda gli allenamenti del Gasp: “Esige tantissimo”

È un esterno sinistro, a quattro o a tre: “Ma il mio unico gol a livello Under 19 l’ho fatto di destro, all’incrocio, all’Inter, scambiando con Rilind Nivokazi. In effetti il gioco di Gian Piero Gasperini sarebbe adatto alle mie caratteristiche: è uno che esige tantissimo dai suoi giocatori, giusto per uno come me abituato a dare al 110 per cento”. Estate 2019, Lorenzo Migliorelli riparte l’avventura da atalantino in prestito al Siena: “Una città magica, che vive di contrade e di Palio. Ho preso casa a Rosia, qui vicino”. Estate 2017, il lavoro con la prima squadra e una manciata di amichevoli, tra cui quella del 12 agosto allo stadio col Venezia: “Allora in panchina c’era Pippo Inzaghi, io ci andai l’anno dopo con Stefano Vecchi. Sei mesi e poi Virtus Entella”.

MIGLIORELLI E BERGAMO. “Difficile un confronto tra Bergamo e Siena, anche perché a Bergamo non ci ho mai vissuto. Facevo la spola con Zingonia, in pulmino, da Castiglione delle Stiviere, casa mia – ricorda il difensore di fascia classe ’98 -. Passava anche da Brescia e provincia, quindi mi sono fatto tantissimi viaggi con Andrea Colpani. Ma come per tutti quelli che sono passati dal settore giovanile dell’Atalanta, il sogno, anzi l’obiettivo, è conquistare la prima squadra”.

MIGLIORELLI E GLI ALLENATORI. “Sono cresciuto nella FeralpiSalò, in nerazzurro ho fatto una stagione di Allievi con Sergio Porrini e tre di Primavera: due con Valter Bonacina e l’ultimo con Massimo Brambilla. Tutte brave persone e bravi maestri di calcio da cui imparare. Ora ho Alessandro Dal Canto, compagno all’AlbinoLeffe di Ivan Del Prato, papà di Enrico, altro mio compagno storico nella Primavera dell’Atalanta”.

MIGLIORELLI E LA C. “Scegliere di fare il calciatore di professione richiede lavoro e sacrifici, non ho certo paura di partire dal basso. Facciamo il rombo e sono titolare, abbiamo un presidente, Anna Durio, importante e autorevole: ce ne sono poche nel calcio, ci vuole coraggio. Lottiamo per accedere ai playoff per la B: situazione ideale per un giovane che vuole crescere passo dopo passo”.

MIGLIORELLI E BARROW. “Ho un ottimo ricordo di tutti i compagni di squadra e di tutti quelli che lavorano al Centro Sportivo Bortolotti. Anche dei giocatori della prima squadra, che mi hanno sempre dato una mano e buoni consigli. Musa Barrow, ai tempi della Primavera, era due spanne sopra chiunque, un attaccante fuori categoria. Sono contento che sia rimasto a Bergamo, potrà avere ulteriori occasioni per dimostrare il suo valore. Che è altissimo: si è già visto durante la sua prima mezza stagione”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Forza Atalanta

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Auguri a Carletto Perrone: sfiorò l’Europa con Lippi (battendo la Juve a braccetto con Ganz)

Ultimo commento: "Auguri Carletto, un giocatore che mi è sempre piaciuto tantissimo 🥂🖤💙"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Il calcio,commentava in modo giocoso sorriso sempre in viso"
valter bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "👏👏👏👏👏👏👏... quanti ricordi!!!! Ma non s scriveva WALTER?"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Che anni quelli. La sfida tra lui e Zico una vera storia di Atalanta"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "L'Atalanta è stata da sempre un fucina di "tornanti" diventati poi dei campioni. Vedi Domenghini, Fanna, Donadoni, e tanti altri .......che al..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive