Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Migliorelli, da Bergamo a Siena: “Sogno il ritorno, Barrow super”

Compagno in Primavera del gambiano, l’esterno mancino ricorda gli allenamenti del Gasp: “Esige tantissimo”

È un esterno sinistro, a quattro o a tre: “Ma il mio unico gol a livello Under 19 l’ho fatto di destro, all’incrocio, all’Inter, scambiando con Rilind Nivokazi. In effetti il gioco di Gian Piero Gasperini sarebbe adatto alle mie caratteristiche: è uno che esige tantissimo dai suoi giocatori, giusto per uno come me abituato a dare al 110 per cento”. Estate 2019, Lorenzo Migliorelli riparte l’avventura da atalantino in prestito al Siena: “Una città magica, che vive di contrade e di Palio. Ho preso casa a Rosia, qui vicino”. Estate 2017, il lavoro con la prima squadra e una manciata di amichevoli, tra cui quella del 12 agosto allo stadio col Venezia: “Allora in panchina c’era Pippo Inzaghi, io ci andai l’anno dopo con Stefano Vecchi. Sei mesi e poi Virtus Entella”.

MIGLIORELLI E BERGAMO. “Difficile un confronto tra Bergamo e Siena, anche perché a Bergamo non ci ho mai vissuto. Facevo la spola con Zingonia, in pulmino, da Castiglione delle Stiviere, casa mia – ricorda il difensore di fascia classe ’98 -. Passava anche da Brescia e provincia, quindi mi sono fatto tantissimi viaggi con Andrea Colpani. Ma come per tutti quelli che sono passati dal settore giovanile dell’Atalanta, il sogno, anzi l’obiettivo, è conquistare la prima squadra”.

MIGLIORELLI E GLI ALLENATORI. “Sono cresciuto nella FeralpiSalò, in nerazzurro ho fatto una stagione di Allievi con Sergio Porrini e tre di Primavera: due con Valter Bonacina e l’ultimo con Massimo Brambilla. Tutte brave persone e bravi maestri di calcio da cui imparare. Ora ho Alessandro Dal Canto, compagno all’AlbinoLeffe di Ivan Del Prato, papà di Enrico, altro mio compagno storico nella Primavera dell’Atalanta”.

MIGLIORELLI E LA C. “Scegliere di fare il calciatore di professione richiede lavoro e sacrifici, non ho certo paura di partire dal basso. Facciamo il rombo e sono titolare, abbiamo un presidente, Anna Durio, importante e autorevole: ce ne sono poche nel calcio, ci vuole coraggio. Lottiamo per accedere ai playoff per la B: situazione ideale per un giovane che vuole crescere passo dopo passo”.

MIGLIORELLI E BARROW. “Ho un ottimo ricordo di tutti i compagni di squadra e di tutti quelli che lavorano al Centro Sportivo Bortolotti. Anche dei giocatori della prima squadra, che mi hanno sempre dato una mano e buoni consigli. Musa Barrow, ai tempi della Primavera, era due spanne sopra chiunque, un attaccante fuori categoria. Sono contento che sia rimasto a Bergamo, potrà avere ulteriori occasioni per dimostrare il suo valore. Che è altissimo: si è già visto durante la sua prima mezza stagione”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Esclusive