Resta in contatto

Rubriche

Sassuolo-Atalanta, le pagelle nerazzurre

Straordinaria la gara dei nerazzurri che, sotto tutti i punti di vista, dominano gli avversari del Sassuolo con una prova di forza magistrale

L’Atalanta è ancora il miglior attacco di Serie A, ma non solo. In questa gara ha dimostrato superiorità sul piano fisico, tattico, di gioco, approccio e mentalità. Ha giocato da squadra creandosi ritagli di praterie sul campo di Reggio Emilia, con il Papu Gomez capitano e protagonista assoluto. Tutti più che sufficienti, Gasperini-a tre giorni dallo Shakhtar- è riuscito a preparare la partita perfetta. Ecco i nostri voti.

SASSUOLO-ATALANTA 1-4

Sportiello 6,5: al suo esordio dopo un ritorno burrascoso, fa bella figura, aiutato dall’inerzia dei nemici. Para sicuro su Duncan; non è scontato neppure il salvataggio al 41’, quando intuisce il tiro da fuori area di Berardi in un momento in cui la squadra di De Zerbi stava solo a guardare. Nella ripresa si allunga prontamente sulla destra ancora sul marcatore nero-verde. Bentornato, prezioso rinforzo.

Toloi 6,5: quasi nullafacente nel primo tempo, buoni disimpegni e inserimenti nel secondo.

Masiello 6,5: il più reattivo della retroguardia, sventa tutti i tiri di Defrel e chiude con prontezza su Berardi.

Djimsiti 6,5: fa sentire al sicuro Sportiello, facendo girare palla senza correre rischi e sventando i pochi contropiedi avversari. Si incolla a Berardi come una cozza, straordinario.

Hateboer 7: corre come un pazzo sulla corsia destra, in testa solo la testa di Zapata, che intercetta presto. Una furia a cento all’ora. Tira matta la fascia sinistra del Sassuolo, molto propositivo. Ha sui piedi la palla della cinquina, la ciliegina sulla torta di una partita perfetta, ma Consigli ha altri piani.

Freuler 6,5: lo svizzero è tornato a tutti gli effetti, abile a giostrare la sfera a centrocampo e a calcolare il tempo giusto per gli inserimenti in avanti.

Pasalic 7: parte bene centrando subito l’esterno della rete. Da circoletto rosso le sfere che serve dalla sinistra a Zapata, sempre sul piatto d’argento. Il suo passaggio filtrante per Duvan è oro che cola, non chiedetegli come fa ma è sempre solo. In costante miglioramento.

Gosens 7,5: copre tutta la fascia sinistra e quando ha l’occasione si smarca per fare numero in area piccola, calciando di potenza una bomba che vale il bis. Imperiale.
(Dal 16’ st Arana 6,5: si inserisce alla perfezione a gioco in corso contrastando tutta la difesa nero-verde con pressing asfissianti).

Gomez 8: da subito leader, prende la squadra per mano con un’azione personale geniale. Parte a razzo, anticipa Berardi, toglie di mezzo Tolja, dribbla Chiriches e calcia un siluro di esterno destro dritto in rete. Sembra il Papu di due anni fa, soprattutto quando arriva in corsa e si coordina bene con il panterone, dimostrando un feeling da professionista. Una trottola, fondamentale persino nei recuperi palla in difesa. Irrefrenabile, il migliore.
(Dal 26’ st Malinovskyi 6: entra in una gara già decisa e fa il suo dove può).

Ilicic 7,5: altro che stanchezza e turnover, lui c’è e dal centrocampo all’area piccola porta palla come nessuno, individua il varco giusto tra la selva nero-verde e inventa l’azione del raddoppio. Ispirato, lo si vede sbucare anche in difesa a recuperare palla e lanciare l’attacco nerazzurro. Magistrale.

Zapata 7,5: la liscia alla prima occasione utile, ma ci pensa Gosens e lui si prende il posto fisso davanti a Consigli, eppure al 25’ lo imbocca con un gol ‘vietato da buttare’. In questa gara non realizza subito, ma il suo tocco nell’appoggiare al suo capitano la palla del tris vale più di qualsiasi rete. Stratosferico-come lo definisce il Gasp-sulla zuccata del poker. Vicino alla cinquina, fenomenale.
(Dal 30’ st Barrow 6: fa ben sperare nell’azione di dribbling, quando si spende per dare il suo contributo).

All. Gasperini 9: la squadra avversaria non fa pressing alto e la sua fa quello che vuole dettando legge già nei primi 10’, ma anche quando sono sopra di due, poi di tre e infine di quattro, lui le intima di continuare a spingersi in avanti. Il pubblico è euforico e lo inneggia, lui indovina ancora una volta tutto. Anche i cambi quando è il momento di far rifiatare pre-Shakhtar.

4 Commenti

4
Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

D’accordo: nel calcio ognuno la vede a suo modo. Infatti non covergo mai con i vostri voti (chi è il professore dei due?😄). Oggi, in particolare, non riesco nemmeno a dare larga interpretazione ai giudizi. Sicuri di aver visto la partita? La media stratosferica di oggi è deprimente pensando ai voti affibbiati con la Roma, bassissimi e insulsi. La partita di oggi deve fare riflettere: sarebbe troppo semplice ingoiare i 4 goal senza analizzare il secondo tempo. Che infatti non è piaciuto per nulla all’allenatore. Difesa a donnine come al solito (se invece prendessi per buone le vostre osservazioni…), lenta… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io al Papu avrei dato anche 9

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

il primo tempo migliore del secondo grande squadra

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Forza Brescia a fine campionato se giriamo la classifica sono primi😎😎😎

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Un grande, uno dei migliori talenti visti a Bergamo, un'icona!"

Marino Magrin

Ultimo commento: ""ATALANTA CLUB MARINO MAGRIN" di Calusco d'Adda...."

Cristiano Doni

Ultimo commento: "Diciamo che per me e' piu' grave tradire una squadra che la moglie io la squadra non la tradirei mai ma noi siamo tifosi...doni per me gransissimo..."

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Peccato sia rimasto relativamente poco a Bergamo."

Dea-Papu Gomez, una lunga storia d’amore

Ultimo commento: "un artista che ha fatto innamorare una citta e una provincia."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche