Resta in contatto

Approfondimenti

Da Genova a Bergamo, chi è mancato di più all’Atalanta

lecce

Zapata, Gosens, Ilicic, Malinovskyi: nel corso delle ultime gare la squadra bergamasca si è dovuta privare del loro apporto e ne ha sofferto la mancanza

Dallo scorso 6 ottobre l’Atalanta deve fare a meno del peso in attacco e, soprattutto, dei gol del panterone nerazzurro Duvan Zapata. Ben cinque le gare in A senza l’attaccante, oltre alla doppia e delicatissima sfida col City: quattordici le reti che comunque la Dea è riuscita ad infilare in questi incontri, eppure non sono bastate per conservare il terzo posto in classifica tanto agognato.

ZAPATA. Dopo un primo periodo di concretezza, la mancanza di Zapata si è fatta sentire proprio nelle ultime due gare di A, quando l’attacco più prolifico dell’anno solare 2019 è rimasto a secco. Ma anche nel secondo tempo contro il City, quando la squadra di Guardiola si è spenta e ha lasciato ampi spazi di manovra alla Dea, che con una pantera affamata in area piccola avrebbe potuto sfruttare meglio.

GOSENS&ILICIC. Ma a Genova contro la Sampdoria e a San Siro per la Champions è mancato anche l’apporto sulla fascia di Robin Gosens, che prima dell’infortunio era in ottima forma e stata vivendo un periodo d’oro. Infine non ci si può di certo dimenticare di Josip Ilicic, nonostante la sua assenza se la sia andata un po’ a cercare ingenuamente lo stesso jolly sloveno per il fallo di reazione a Cagliari. Eppure a Marassi sarebbe bastato solo un pizzico della sua verve, creatività e brillantezza che contraddistinguono i suoi dribbling e le incursioni in area piccola per strappare i 3 punti alla terzultima. Ma tant’è, adesso l’Atalanta spera nella sosta, nel completo recupero di Zapata e Gosens e nel ricorso per riavere Ilicic contro la Juve.

MALINOVSKYI. Tifosi e addetti ai lavori non vogliono più chiedersi ‘Chi è mancato maggiormente oggi?’, perché già di un elemento chiave dovranno fare a meno. Si tratta di Ruslan Malinovskyi, espulso per doppio fallo domenica, dopo giorni di attesa per rivederlo in campo dal 1′. Era mancata la lucidità e la precisione dell’ucraino sui calci piazzati a Cagliari e a San Siro, ma è inutile per l’Atalanta soffrire troppo di nostalgia: non ci sarà nemmeno sabato 23 e, con il ritorno di Ilicic e Zapata, Gasperini dovrà scegliere la pedina di cui (non) farci sentire la mancanza.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Auguri a Carletto Perrone: sfiorò l’Europa con Lippi (battendo la Juve a braccetto con Ganz)

Ultimo commento: "Auguri Carletto, un giocatore che mi è sempre piaciuto tantissimo 🥂🖤💙"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Il calcio,commentava in modo giocoso sorriso sempre in viso"
valter bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "👏👏👏👏👏👏👏... quanti ricordi!!!! Ma non s scriveva WALTER?"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Che anni quelli. La sfida tra lui e Zico una vera storia di Atalanta"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "L'Atalanta è stata da sempre un fucina di "tornanti" diventati poi dei campioni. Vedi Domenghini, Fanna, Donadoni, e tanti altri .......che al..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti