Resta in contatto

Rubriche

Penna in trasferta – Maffessoli (BresciaOggi): “Brescia nel momento più difficile”

L’opinionista vicino alla formazione allenata da Fabio Grosso ci descrive la situazione in casa Brescia

Domani sarà il giorno di Brescia-Atalanta e, come di consueto, analizziamo la situazione in casa della squadra allenata da Grosso con il supporto di Alessandro Maffessoli, giornalista del BresciaOggi.

Che Atalanta si aspettano a Brescia dopo la gara di Champions?
“Una squadra che ha trovato ulteriore consapevolezza nei propri mezzi e che avrà l’occasione nell’ultima partita di giocarsi la qualificazione per gli ottavi di finale. Ma soprattutto una squadra arrabbiata per la precedente sconfitta subita in casa dalla Juventus. La qualità è sotto gli occhi di tutti, però il Brescia sarà chiamato ad una prova di orgoglio per provare a ripartire”.

Come sta questo Brescia che viene da una lunga serie negativa?
“Il momento che sta vivendo la squadra è senza dubbio il più difficile, ma c’è la voglia di dimostrare quanto prima che la classifica non rispecchia il valore della squadra. Il derby con l’Atalanta, al di là della storica e campanilistica rivalità, avrà un’importanza maggiore rispetto ai tre punti messi in palio. Il Brescia dovrà dimostrare di avere grinta, carattere e determinazione. E rispondere positivamente rispetto alle ultime uscite contro Torino e Roma”.

Cosa è cambiato da Corini a Grosso?
“Risultati e classifica dicono che è cambiato poco in positivo. Due partite, altrettante sconfitte. Zero gol segnati, sette quelli subiti: i numeri sono lì da vedere. Grosso è forse l’ultimo dei colpevoli in questo momento, essendo arrivato da poco. Però ci sarebbero altre considerazioni da fare. Anche sotto la guida di Corini la squadra faticava ad esprimersi e a trovare punti, però il tecnico sembrava godere della stima del gruppo. Un presidente ha legittimamente la possibilità di cambiare la guida alla propria squadra, ma quello che ha sin qui convinto poco è il pedigree del Fabio Grosso allenatore. I tifosi biancazzurri, molto legati a Eugenio Corini perché bresciano e tecnico della promozione, non hanno digerito questo cambio in primis. E, forse, avrebbero preferito un allenatore con un curriculum più importante. Per quanto riguarda il gioco è difficile dare un giudizio alle ultime due gare. Contro il Torino la gara è stata segnata da due rigori e un’espulsione già nel corso del primo tempo, mentre con la Roma il Brescia ha disputato un buon primo tempo per poi però scomparire dal campo nella ripresa. Corini? Con lui il Brescia ha sempre lottato anche contro le “big” del campionato, senza sfigurare”.

Quale potrebbe essere la formazione del Brescia?
“Fabio Grosso dovrebbe essere orientato per un 4-3-1-2. Joronen a difesa dei pali, Sabelli a destra, con la cerniera centrale composta da Cistana e Chancellor. Sulla fascia sinistra Martella è favorito su Mateju, al rientro dopo la squalifica (espulso contro il Torino ha poi saltato la trasferta dell’Olimpico). Tonali in cabina di regia supportato da Bisoli e Ndoj, mentre Romulo agirà a supporto del tandem Torregrossa-Balotelli, con quest’ultimo al rientro tra i titolari dopo la mancata convocazione di Roma”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "La fascia all'ombra era la sua miti c o"
glenn peter stromberg

Glenn Peter Stromberg

Ultimo commento: "Il capitano! Fino ad oggi, per me, il simbolo dell'Atalanta stessa...."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Lasciamo perdere Doni che le ha combinate troppo grosse, Magrin grande come doti tecniche e umane"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Mondo sempre nel cuore....per sempre!!!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande ed indimenticabile! In campo bravo, infaticabile, generoso e soprattutto un gentleman!!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche