Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bologna, è l’ora di Malinovskyi. Ilicic out, ma fino a quando?

L’ucraino Ruslan Malinovskyi, assistman da calcio di punizione per il raddoppio di Kharkiv in Champions League, titolare domenica al “Dall’Ara” di Bologna. Pasalic scala in mediana, o Gomez riposa?

I suoi minuti di celebrità, da ex al veleno, li ha conosciuti pure lui. Subentrando ad Andrea Masiello al 16′ della ripresa, a Kharkiv, per servire alla punta della scarpa sinistra di Mario Pasalic il raddoppio direttamente da calcio di punizione. Una palla tesa, dall’out destro, terribilmente precisa. Geometrie e piede rotondo: il marchio di Ruslan Malinovskyi, che dopo aver rotto il ghiaccio col tabellino sabato scorso segnando il temporaneo 1-1 nel 3-2 casalingo al Verona continua a fare il suo figurone anche in Champions League. Dove aveva lasciato l’impronta, da titolare, già fuori casa col Manchester City, siglando dal dischetto il vantaggio delle illusioni. Nella logica del turnover mirato sui due fronti, domenica pomeriggio a Bologna dovrebbe toccare a lui dal primo minuto.

MALINOVSKY COL PAPU E PASALIC? Nell’Atalanta alla ripresa del lavoro giovedì mattina il numero 18 mancino ha effettuato più che altro scarico come tutti quelli con minutaggio contro lo Shakhtar, ma è chiaro che con due giorni pieni (a porte chiuse) davanti prima di rituffarsi in campionato eventuali acciacchi o dubbi possono essere superati. Malinovskyi, per Gian Piero Gasperini, è esclusivamente un centrocampista avanzato e ciò ne fa un papabile per l’affiancamento al Papu Gomez dietro un’unica punta, Luis Muriel o Musa Barrow, anche perché di più non ce ne sono: Duvan Zapata continua il proprio recupero fisico e psicologico in beata solitudine col proprio fisioterapista andaluso. Il croato, invece, potrebbe scalare di nuovo in mediana (doppietta a Brescia) al posto di Marten de Roon e Remo Freuler, spompati dalla trionfale nottata ucraina. L’olandese, poi, è sembrato sofferente al ginocchio sinistro precedentemente indolenzito al “Rigamonti” due turni di serie A or sono.

IL RESTO: KJAER OUT, ILICIC INDISPONIBILE. Per il resto della formazione, davanti a Pierluigi Gollini ci sarà nuovamente Rafael Toloi, out in coppa per squalifica, insieme a due tra Berat Djimsiti, José Palomino e Andrea Masiello. Corsa finita, invece, per Simon Kjaer, l’escluso illustre dell’ultim’ora, fuori dalle convocazioni Champions alle soglie della gara decisiva: a gennaio tornerà a Siviglia, forse per restarci. Sulle corsie il riposo tocca a uno tra Timothy Castagne e Robin Gosens, a pro di Hans Hateboer che è in diffida, mentre dalla cintola in su risponde ancora assente Josip Ilicic, alle prese con l’elongazione del flessore destro. Difficile il suo rientro entro la fine dell’anno. Ora altre due sessioni al pomeriggio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News