Resta in contatto

News

Tra le big 16 d’Europa. Il modello Atalanta è il modello Percassi

L’Atalanta, qualificatasi agli ottavi di Champions, è parte di una strategia ampia che ha fatto di Antonio Percassi e del suo gruppo una voce capace di generare ricavi

Un business nel 2017 da 805 milioni di fatturato, scesi a 550 il 31 dicembre 2018 per la modalità di calcolo dei ricavi di Kiko (dal 2018 consolidati proporzionalmente al 51,76%; prima inclusi per ammontare totale), ma in crescita negli altri settori, con risultato netto in rosso di 14,5 (26,3 l’anno precedente) e patrimonio netto stabile a 334,3. Dalla Kiko agli ottavi di Champions League, dal retail alle griffe della moda al pallone passando per Starbucks. Il modello vincente dell’Atalanta, secondo l’analisi di Calcio & Finanza (calcioefinanza.it), è il trionfo del modello Antonio Percassi. Il successo della squadra va infatti di pari passo con quello della galassia che fa capo al suo proprietario e presidente.

MODELLO ATALANTA: I NUMERI. Dal 2011 a oggi (l’ultimo bilancio, che nel club nerazzurro si chiude a fine anno, è del 31.12.2018) il conto economico della società di Zingonia è passato dai 37,9 mlioni di ricavi con 2,7 di plusvalenze ai recenti 155,7. Le entrate da scambio di giocatori sul mercato sono state di circa 70 (compresi prestiti e bonus): con la regina delle coppe, grazie agli ottavi di finale, altri 39,4 già assicurati.

MODELLO PLUSVALENZE. Le plusvalenze più significative sono Bastoni (Inter, 30,6), Kessie (Milan, 29,5), Gagliardini (Inter, 27,9), Conti (Milan, 22,8), Caldara (Juventus, 18,8) e Cristante (Roma, 15). Il mercato in uscita assicura il 24,4 per cento delle entrate: 169 mlioni su 703 totali di fatturato nell’intera era Percassi.  Crescita costante anche degli utili: 50,8 dal 2016 al 2018, a fronte di perdite per 17,6 dal 2010 al 2015. Numeri sufficienti a coprire i 40 milioni di investimenti tra Gewiss Stadium (35) e implementazione del Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia.

MODELLO PERCASSI: LA GALASSIA. Pur tra le difficoltà di Kiko (cosmetica), 596 milioni di ricavi solo nel 2018 (meno 2,5 per cento) di cui 314 consolidati dalla holding Odissea, che per i Percassi è come la Exor per gli Agnelli-Elkann e ha il 51% del marchio summenzionato. Gli altri rappresentati: Womo, Vergelio, Bullfrog (propri), Nike, Gucci, Armani Exchange, Victoria’s Secret, Bath and Body Works, DMail (proprio), Lego, Da 30 polenta, Caio – Antica Pizza Romana, Casa Maioli (propri), Wagamama, Starbucks, Oriocenter.

 

5 Commenti

5
Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Un esempio 👍👍👍

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Bravi e seri

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Complimenti un lavoro ben fatto da chi gestisce aziende in modo esemplare, professionalità e non solo soldi.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grande

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Percassi sulle orme di Rozzi !!!

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "La fascia all'ombra era la sua miti c o"
glenn peter stromberg

Glenn Peter Stromberg

Ultimo commento: "Il capitano! Fino ad oggi, per me, il simbolo dell'Atalanta stessa...."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Lasciamo perdere Doni che le ha combinate troppo grosse, Magrin grande come doti tecniche e umane"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Mondo sempre nel cuore....per sempre!!!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande ed indimenticabile! In campo bravo, infaticabile, generoso e soprattutto un gentleman!!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News