Resta in contatto

News

Qui Bologna, si punta alla salvezza per carenza d’organico

I rossoblù puntano alla salvezza, i nerazzurri cercano laquinta vittoria di fila sull’onda dell’entusiasmo per mantenere una posizione europea

“Sfida prevedibilmente con molti gol”: introduce così l’edizione odierna de L’Eco di Bergamo la partita che l’Atalanta dovrà affrontare domenica pomeriggio in trasferta. Ventidue sono infatti quelli realizzati in totale dalla squadra di Sinisa Mihajlovic e ventisei quelli incassati,  mentre l’Atalanta è già a quota trentasette gol e ventitré reti subite. Il totale fa 108 per una media di 3,6 centri a partita. Ultimamente però i difensori dell’Atalanta sono stati autentici eroi sulla linea di porta, difesa da un Super Gollini equiparato addirittura a Buffon. I bolognesi invece hanno preso quattro gol anche a Udine, in Coppa Italia, prima di soccombere 3-2 domenica scorsa in casa col Milan, portando a cinque le sconfitte nelle ultime sette partite. A pesare la carenza d’organico, che non permette alla squadra rossoblù di puntare più in alto della mera salvezza.

DIFESA ROSSOBLU. Schierata a quattro, la difesa ha dovuto fare a meno dell’infortunato Dijks prima e Krejci poi. Denswil, non è all’altezza mentre Bani è sempre ammonito, quindi, diffidato e assente. Tomiyasu, che doveva essere la sorpresa e la rivelazione, sta calando il suo rendimento come tutti gli altri, reduce da un problema fisico. E lo stesso portiere, Skorupski, piace a una parte del pubblico e a un’altra no.

ATTACCO ROSSOBLU. Ma anche la fase offensiva del Bologna non è messa benissimo: l’ex Atalanta Orsolini è discontinuo,  Santander non ha il feeling con la porta (solo un gol). Il capocannoniere con quattro reti è Palacio, al pari di Sansone, ma l’argentino fa il falso nueve. Guardando, sulla carta, i due organici a confronto, non c’è partita, anche per le statistiche: il Bologna con l’Atalanta perde da sette partite consecutive (4-15 la somma dei parziali). L’ultimo successo risale al primo novembre 2015 (3-0, esordio in panchina di Donadoni).

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "La fascia all'ombra era la sua miti c o"
glenn peter stromberg

Glenn Peter Stromberg

Ultimo commento: "Il capitano! Fino ad oggi, per me, il simbolo dell'Atalanta stessa...."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Lasciamo perdere Doni che le ha combinate troppo grosse, Magrin grande come doti tecniche e umane"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Mondo sempre nel cuore....per sempre!!!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande ed indimenticabile! In campo bravo, infaticabile, generoso e soprattutto un gentleman!!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News