Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Anche Conte dal dentista Gasperini

La metafora a sfondo Champions offre la chiave di lettura del superderby nerazzurro: la miglior difesa dovrà vedersela col migliore attacco. Chi la spunterà tra Conte e Gasperini?

La miglior difesa (15), orfana di Martin Skriniar (squalificato come Nicolò Barella; Danilo D’Ambrosio ko) più Lautaro Martinez e Romelu Lukaku, contro il miglior attacco (48) anche se probabilmente orfano di Duvan Zapata? La Gazzetta dello Sport usa per Antonio Conte, tecnico della capolista a braccetto con la Juventus, la metafora usata da Pep Guardiola per spiegare cosa significhi affrontare l’Atalanta in Champions: più che la panchina a San Siro, stasera, sarà come sedersi sulla poltrona del dentista Gian Piero Gasperini.

IL DENTISTA DA PEP A CONTE. Dal 6 novembre dell’inaspettato 1-1 milanese di coppa contro il Manchester City, il dentista Gasp di simile avrà la formazione, al netto di Mario Pasalic al posto di Ruslan Malinovskyi tra le linee, con Josip Ilicic unica punta effettiva. Ma la coppia d’attacco LuLa, quella di casa, potrebbe agire sulla retroguardia atalantina peggio di un trapano: 23 gol in due sui 39 di squadra, col nazionale belga a quota 14. La differenza tra i due terzetti arretrati è che quello locale sta più basso e di norma non partecipa all’azione. Stavolta Marten de Roon potrebbe abbassarsi per evitare di esporre Palomino-Djimsiti all’uno contro uno con le due punte interiste.

SUPERDERBY CONTE-GASPERINI. Un superderby nerazzurro dai moduli similari ma dalle filosofie differenti, rimarca il quotidiano in rosa tentando di decifrare la partita che sarà. La difesa dei bergamaschi ha preso fin qui 25 gol in 18 turni di campionato, ma negli ultimi 5 sono stati soltanto 4 con 2 clean sheet consecutivi nelle cinquine ai danni di Milan e Parma. Dal canto suo Samir Handanovic non ha raccolto palloni in fondo al proprio sacco 7 volte su 18, subendo più di 1 gol solo da Juve, Sassuolo e Parma (in serie). Le due contendenti segnano tanto ma con tempi diversi: 22 gol nei primi tempi l’Inter, 27 nei secondi l’Atalanta. Record, come quello bergamasco di tiri in porta, 144, meno 1 dai primatisti europei di Guardiola.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News