Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Inter-Atalanta, le pagelle nerazzurre

Alla ‘Scala del Calcio’ l’Atalanta ha affrontato l’Inter, i voti della nostra redazione

Gollini 6: la botta di Martinez è troppo potente a dire il vero, ma forse poteva fare qualcosa in più. Poi non gli arrivano molti palloni, quasi nulla. Attento quando Brozovic, per poco, non lo beffa a quattro minuti dallo scadere.

Toloi 6: si perde Lautaro Martinez in occasione del vantaggio interista. Successivamente, sfiora la rete del pari e forse c’è un penalty su di lui, ma Rocchi lascia proseguire. La sua prestazione non è delle migliori, ma cresce nella ripresa.

Palomino 7: pronti-via, si ritrova subito a contrastare Lukaku che lo supera e conclude in porta prendendo il palo, ma a gioco fermo. Salva sulla linea un gol fatto di Lautaro Martinez al 22′. Fuori tempo l’intervento su Sensi che gli vale il cartellino giallo. In difesa è quasi insuperabile.

Djimsiti 6,5: poco reattivo in occasione dell’azione che porta alla rete dell’Inter, quando permette a Lukaku di scambiare palla. Nel corso della gara cresce e prende le misure degli attaccanti milanesi.

Hateboer 6: troppo duro il suo intervento su Sensi che gli costa un giallo. Era diffidato e salterà la Spal. Spazia spesso su tutto il fronte offensivo, tagliando in due il campo.

de Roon 6: si francobolla addosso a Lautaro Martinez, provando ad anticiparlo e bloccare l’azione interista. Prende un giallo al 23′ per un evitabile fallo a Gagliardini, sotto gli occhi dell’arbitro.

Pašalić 5,5: ha la palla giusta per arrivare al pari, ma si ingolosisce e preferisce mettersi in proprio anziché servire il Papu smarcato. (dal 70′ Muriel 5: il suo ingresso in campo consente alla Dea di recuperare metri in profondità, ma la maledizione dei penalty colpisce anche lui).

Gosens 7,5: una spina nel fianco della difesa interista, l’uomo che consente la superiorità numerica nell’area di rigore avversaria. E difatti, segna da attaccante puro. (dal 91′ Castagne sv)

Gomez 7: uno dei più attivi, come al solito si muove continuamente e prova a smistare interessanti palle per i compagni. Dialoga con Ilicic spesso e volentieri, ma viene puntualmente raddoppiato dai difensori interisti che gli limitano il raggio d’azione. Quando ha la palla d’oro (a gioco fermo) prende una traversa che ancora trema.

Iličić 7: disegna calcio con naturalezza, un suo tacco libera Pasalic in velocità. Duetta col Papu, parlando un’altra lingua, e porta a spasso almeno due avversari per volta. Con l’uscita di Zapata diventa centravanti: l’azione del pareggio parte dai suoi piedi.

Zapata 5: gli manca ancora il piglio pre-infortunio, quando calciava in porta non appena possibile. Ha una buona palla al 15′ ma il suo colpo di testa è debole. Gasp lo manda in panchina dopo pochi giri d’orologio della ripresa. (dal 52′ Malinovskyi 6,5: si presenta con una bomba dal limite dell’area che colpisce il palo, fa bene a farsi ammonire per fermare un’azione di contropiede).

Gasperini 7: la rete ‘a freddo’ dell’Inter non lo scalfisce, carica come una molla i suoi di continuo. Indovina le mosse a gara in corso, dando più alternative d’attacco con Malinovskyi e Muriel. Forse un azzardo mettere Zapata dall’inizio, ma solo così può anticipare i tempi e rientrare ‘a grandi livelli’ anche con la mente.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche