Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Torti arbitrali, sei errori in tre mesi ai danni dell’Atalanta

Atalanta

Certo, ormai è inutile dire ‘chissà come sarebbe finita con quel rigore in più…’, ma la verità è che la Dea è martoriata dalle sviste di Var e direttori di gara

Qualcuno parla di sfortuna, altri-addirittura- lo definiscono ‘un attacco mirato’. Certo è che la squadra bergamasca, dal 19 ottobre in poi, è stata protagonista di svariate decisioni arbitrali rivelatesi delle sviste clamorose e  completamente sbagliate, che potrebbero averle tolto dei punti in classifica qua e là. Come analizza l’edizione odierna di TuttoSport, quello con l’Inter è l’ennesimo episodio arbitrale sfavorevole all’Atalanta, con la gamba di Toloi agganciata dal braccio di Lautaro in area piccola: chiara occasione da rete che avrebbe dovuto portare Rocchi a estrarre il cartellino rosso all’attaccante dell’Inter e a concedere rigore all’Atalanta. Cosa che non è avvenuta.

CONTRO LA LAZIO. Tutto è nato nella gara da incubo della Dea all’Olimpico contro la Lazio, che ha recuperato le tre reti di distacco grazie anche a due calci di rigore, di cui uno molto discutibile, assegnati proprio da Rocchi e trasformati poi da Ciro Immobile.

CONTRO IL CAGLIARI. Il successivo episodio che origina polemiche avviene contro il Cagliari quando, al 39’ del primo tempo (sullo 0-1 a favore dei sardi), Ilicic viene espulso per fallo su Lykogiannis ma lo stesso laterale greco che ha provocato il nerazzurro andava mandato negli spogliatoi per doppia ammonizione.

CON LA SAMP. Grave l’episodio mal giudicato da Irrati al 27’ della ripresa tra Samp e Atalanta. Barrow vola verso la porta difesa da Audero, ma viene steso da Ferrari: sarebbe rosso per chiara occasione da rete, eppure viene solo ammonito.

CON LA JUVE. Poi è la volta del match con la Juventus, con (ancora) Rocchi che non vede il fallo di mano di Cuadrado nell’azione da cui nasce l’1-2 di Higuain.

COL VERONA. Infine col Verona,  la svista che porta al momentaneo 0-1 scaligero (arbitro Valeri). La rete messa a segno da Di Carmine al 23’ del primo tempo nasce da una rimessa laterale battuta in posizione avanzata di dieci metri rispetto a dove era uscito il pallone e nessuno si accorge che in quel momento ci sono ben due palloni in campo.

43 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

43 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News