Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Settore Giovanile

Primavera: in Coppa Italia la Roma a pranzo

supercoppa

Occhio al malloppone indigesto dopo il 3-3 in campionato: la Roma di Alberto De Rossi stenta in regular season, ma è pur sempre un ostacolo storicamente molto ostico

Metti la Roma a mezzogiorno, cercando di farti scivolare il malloppone a pranzo in Coppa Italia giù dallo stomaco. Soprattutto in quota ricordi, perché il quarto di Coppa Italia Primavera di mercoledì, al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia, ha un macigno all’orizzonte: il ricordo del 3-3 da inseguimento in campionato al “Tre Fontane” del 10 novembre scorso, fin qui unico precedente stagionale fra le contendenti. Solo che l’Atalanta, ai tempi, giocò praticamente a colazione: kick off alle ore 10 della domenica mattina.

COPPA ITALIA, LA ROMA A PRANZO. Da un risveglio tormentoso a base di caffè e pallone, insomma, al pranzo di lavoro del mercoledì nella Bassa bergamasca e in più al freddo. In palio ci sono le semifinali (5 e 19 febbraio) contro la vincente di Hellas Verona-Frosinone, che domani comincerà appena mezzora prima. La Lupa guidata dal papà d’arte Alberto De Rossi, grande gentleman del nostro calcio giovanile e soprattutto una delle migliori levatrici di talenti in erba, a campi invertiti in regular season, prima di cedere nel confronto a distanza in classifica (42 a 27, primo posto contro quarto, dopo 16 giornate), diede filo da torcere alla creatura di Massimo Brambilla.

DAL TRE FONTANE A ZINGONIA: LA ROMA DI DE ROSSI. Per tre volte in vantaggio, raggiunti altrettante: i nerazzurrini, in vetta in campionato e agli ottavi di Youth League, persero proprio nella Capitale i primi due punti entro i confini nazionali, circostanza poi ripetuta con Torino e Sampdoria a cavallo del giro di boa. Al “Tre Fontane”, tra le brume autunnali, segnarono Ebrima Colley da calcio di punizione, Nicolò Cambiaghi dal limite e Manu Gyabuaa su assist di Niccolò Ghisleni, trovando ogni volta la risposta, l’ultima su rovesciata allo scadere, di Riccardi, Sdaigui di testa e Tall. Arbitra Paolo Bitonti di Bologna; assistenti Federico Pragliola di Terni e Luca Valletta di Napoli.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
d'amico atalanta

SONDAGGIO – Che voto date al calciomercato invernale dell’Atalanta?

Ultimo commento: "Zero Le fasce erano e sono rimaste con giocatori nn da Europa"
gasperini

Atalanta “non da Europa”, l’esito del sondaggio: presto per gli obiettivi

Ultimo commento: "Se pressiamo costanti costanti senza fiato sugli avversari in possesso palla senza lasciargli altra soluzione che il lancio lungo allora non può che..."

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Hai ragione Pinocchio! Per fortuna non fanno parte della società. A parte che non ne hanno le qualità. Sarò sempre grato a questa società che ci..."
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Da non farselo sfuggire , comprarlo !!!"

Altro da Settore Giovanile