Resta in contatto

Approfondimenti

Tameze, l’innesto pronto per il ‘settebello’

Il centrocampista, neo arrivato ma già utilizzato, sarà fondamentale nel corso delle prossime sette gare della Dea

Classe 1994, l’ex Nizza Adrien Tameze può essere l’innesto giusto per arricchire un centrocampo nerazzurro formato da pedine infaticabili e non-stop, che quasi come dei robot hanno retto il peso della quantità e qualità delle gare giocate finora dall’Atalanta ma che ora, ultime prestazioni vedasi, hanno bisogno di poter ruotare con i rinforzi di lusso presenti in panchina. E Tameze, entrato al 90’ della gara vinta a Firenze contro i viola sabato pomeriggio, fa parte di quella rosa ristretta di 15-16 giocatori su cui mister Gasperini conta maggiormente.

TOUR DE FORCE. De Roon, Pasalic e Freuler, insostituibili per buona parte della stagione, adesso potranno rifiatare, soprattutto in vista del prossimo mese, con la Dea impegnata su più fronti. Infatti in trenta giorni esatti, dal 15 febbraio al 15 marzo, saranno ben sette le gare che dovrà affrontare la squadra nerazzurra: contro la Roma, il Sassuolo, il Lecce, la Lazio e l’Udinese in campionato, mentre l’andata e il ritorno contro il Valencia di Florenzi per conquistarsi i quarti di finale in Champions. Naturale pensare che il turn over a centrocampo in certi casi sarà d’obbligo, e Adrien Tameze ha già dimostrato di essersi integrato: buon fisico-per questo paragonato a Kessie- duttile e tecnico, con un passato da mediano e da mezzala. Non è mancino come Malinovskyi e Ilicic ma è veloce come loro, una delle sue qualità migliori infatti è l’abilità a smarcarsi, come si è visto negli ultimi scampoli di partita al Franchi.

OBIETTIVI. Non sembra nemmeno alla sua prima presenza in campionato estero, vista la naturalezza con cui affronta gli allenamenti e lega con i compagni di spogliatoio. Il suo obiettivo ora è essere utile alla squadra nelle prossime sette delicatissime gare e migliorare le sue 76 presenze, con una rete e tre assist collezionati col Nizza. Ma Tameze sogna anche di esordire in Champions League: ieri, nella giornata libera, è stato a Milano per ricaricarsi e respirare già l’aria europea di San Siro.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele Alborghetti
Daniele Alborghetti
7 mesi fa

Direi che per ora è ben lontano dall’essere uno dei 15-16 titolari.
Malinovskyi, ottimo giocstore è tutto fuorché veloce.

Marco
Marco
7 mesi fa

Verità

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Anche io ho cominciato a seguire la dea in coppa delle coppe e da allora nn ho più smesso di seguirla nonostante le bufere di calcioscommesse. Mondo..."
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Ciao mister sono ambo amboni francesco mi hai allenato a Verdello in Eccellenza ti ricordi sei grande un abbraccio"
bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "Un vero tifoso della Dea sa perfettamente che si chiama "V"alter !!!"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti