Resta in contatto

News

Pasqua e candeline per Lippi, dall’Atalanta al Mondiale

marcello lippi

Il tecnico viareggino alla guida dell’Atalanta di Ganz e Rambaudi nel 1992-1993: la rampa di lancio per i trionfi bianconeri e azzurri… con l’Europa sfiorata qui

Aveva Maurizio Ganz a pensare al gol con Roberto Rambaudi e Carletto Perrone a ricamare, Roberto Bordin, Stefano De Agostini e Oscar Magoni a correre, Ricardo Alemao in mezzo e Paolo Montero dietro. Quest’ultimo, con l’imberbe Alessio Tacchinardi, l’avrebbe seguito alla Juventus, la squadra dei suoi trionfi. A distanza di 27 anni dal settimo posto a braccetto con la Samp, ovvero qualificazione alla Coppa Uefa lasciata per 1 punto (37 a 36) al Cagliari di Carletto Mazzone, una sola verità: l’Atalanta per Marcello Lippi è stata la rampa di lancio verso il calcio che conta. Il Napoli l’anno dopo, il bianconero a cavallo dei due secoli e il Mondiale di Germania in azzurro nel 2006: il tecnico viareggino, 72 candeline oggi, 12 aprile, per inciso giorno di Pasqua, sembra aver lasciato definitivamente la panchina il 14 novembre 2019, dopo la sconfitta per 1-2 contro la Siria a Dubai nelle qualificazioni al campionato del mondo 2022: il giorno delle dimissioni da ct della Cina dopo averci fatto il direttore tecnico.

DA LIBERO A MISTER. Libero da giocatore, detto Quintalino per la tendenza a ingrassare, il prodotto della Stella Rossa di Viareggio, cresciuto nel mito della Grande Inter, spese la carriera tra la Sampdoria, Savona, Pistoiese e Lucchese ritirandosi a 34 anni. D tecnico, le giovanili blucerchiate (1982-1985), Pontedera, Siena (esonero), Pistoiese e Carrarese, prima del biennio a Cesena stoppato dalla seconda interruzione precoce del rapporto. Quindi la Lucchese e l’ottavo posto in B, che indussero Antonio Percassi ad arruolarlo salvo prendersi troppo tempo per decidere se riconfermarlo o meno: a metà 1992-1993 la squadra era terza, alla fine niente Europa.

I TRIONFI BIANCONERI… Prima dell’apoteosi nel Club Italia, poi infruttuosamente guidato prendendo il posto a Roberto Donadoni per le qualificazioni e la rassegna iridata in Sudafrica, i trofei juventini: dal 1994 al 1999 (esonero a favore di Carlo Ancelotti) e dal 2001 al 2004, 5 scudetti (’95, ’97, ’98, 2002 e 2003), la Coppa Italia ’95, la Coppa dei Campioni ’96 (contro l’Ajax; perse le due successive con Borussia Dortmund e Real Madrid più quella col Milan a Manchester nel 2003), la Supercoppa Europea e la Coppa Intercontinentale ’96 e 4 Supercoppe Italiane (’95’, ’97, ’02, ’03). Il primo a riuscire a vincere tutto a livello di club e poi di Nazionale, eguagliato più tardi da Vicente del Bosque.

…E CINESI. Bacheca stracolma anche nell’ex Celeste Impero colorato di rosso e di liberismo sfrenato: in sella al Guanghzou Evergrande, titoli nazionali 2012-13-14, una Coppa di Cina (2013) e la Champions asiatica. Sfortunato con l’Inter (cacciato anzitempo all’inizio della seconda annata, gli subentra Marco Tardelli) e la Cina (fallita qualificazione a Russia 2018), ma anche ai migliori chef le ciambelle a volte non riescono col buco. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News