Resta in contatto

News

La Juve (+4) sbanca Bologna: Lazio costretta a vincere a Bergamo

juventus

Un rigore assegnato col Var, forse uno negato al Bologna e una magia di Dybala: una Juve corsara a Bologna aumenta temporaneamente a 4 il vantaggio sulla Lazio

Una trattenuta giudicata da rigore solo dopo conciliabolo col Var (Daniele Chiffi, per inciso l’arbitro di Atalanta-Sassuolo) e la verifica a video a bordocampo dal direttore di gara Gianluca Rocchi, una magia di Paulo Dybala smarcato dal limite dal tacco di Bernardeschi. Nel terzo anticipo dell’ottava di ritorno, lunedì in notturna a Bologna, alla Juventus bastano i gol di Cristiano Ronaldo (23′) e della Joya (36′) nel primo tempo per allungare temporaneamente in vetta sulla Lazio (66 a 62), costretta così a vincere a Bergamo mercoledì con l’Atalanta per tenere il passo-scudetto.

JUVE, A BOLOGNA RIGORE E JOYA. I bianconeri di Sarri hanno gestito le operazioni senza concedere varchi alla squadra di Mihajlovic, che resta a metà graduatoria a quota 34 e recrimina su un contrasto tra De Sciglio e il prestito atalantino con obbligo di riscatto Musa Barrow al 14′ della ripresa, a score ormai sigillato: stavolta il Var dice no. Danilo, sostituto dal 66′ dell’ex terzino milanista, rimedia due gialli tra 82′ e 91′ per altrettante entratacce su Juwara; la moviola si chiude a 1 minuto dal novantesimo, prima di ben 8 giri di lancetta extra, col possibile bis di CR7 annullato per fuorigioco di partenza di Douglas Costa che gli aveva servito l’assist.

JUVE, UNO-DUE DA ALLUNGO SULLA LAZIO. Juve già pericolosa al settimo, con botta dal limite del portoghese non trattenuta da Skorupski e Denswil impegnato a evitare l’insaccata dell’ispirato Bernardeschi, il migliore in campo per gli ospiti. Il Bologna si vede fischiare a favore un contatto Dijks-Rabiot appena fuori area al ventesimo, ma a nemmeno due minuti la tecnologia aiuta Rocchi a sgamare la trattenuta del già citato Denswil al connazionale olandese De Ligt sugli sviluppi di un calcio dalla bandierina. CR7 implacabile dagli 11 metri, a differenza della Coppa Italia (semifinale col Milan), poi il gioiello di sinistro a mezz’altezza dell’argentino. Nella ripresa, al 7′, chance sprecata dal medesimo su delizioso allungo dell’ex viola, che in capo a 50 secondi coglie il palo con un gran tiro mancino convergendo da destra. Al 28′ ancora Ronaldo, non troppo da lontano: sfera che fa la barba al legno.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Costretta da chi??? 😠

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Invece perderà, perché vince l’atalanta 😉

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Concordo!"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "Non e'stato un quaraqquaca come tanti giocatori al giorno d'oggi Grande"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Magrin, l'ho conosciuto di persona e incontrato per caso un paio di volte nel 2001 al di fuori del "campo" persona seria e umile, mi ha colpito il..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Ogni sera mi addormentavo pensando la tattica e soprattutto la formazione che avrebbe mandato in campo, e devo dire che alla fine, ho imparato a..."

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News