Resta in contatto

News

Criscitiello: “Rigori dati senza senso. Arbitri scarsi, rimbecilliti dalla tecnologia”

michele criscitiello

Il direttore dell’emittente televisiva Sportitalia ha preso posizione in maniera decisa contro l’assegnazione dei rigori eccessiva nel nostro campionato

Michele Criscitiello, nel suo consueto editoriale per Tuttomercatoweb, ha analizzato la situazione arbitrale al centro della polemica in questi giorni: “La serie A rischia di diventare inguardabile oltre che falsata. I rigori che vengono dati (a tutti) sono senza senso. Abbiamo arbitri scarsi, completamente rimbecilliti dalla tecnologia. Un uso eccessivo di uno strumento che dovrebbe essere invisibile. Quei rigori non si possono fischiare. Il braccio sarà sempre leggermente attaccato o staccato al corpo e o cambiamo l’essere umano oppure ci ritroveremo sempre a fischiare dei rigori assurdi. Basta anche finire le azioni quando è evidente il fuorigioco. Si tiri su la bandierina e amen. Non esultiamo quando già tutti abbiamo visto che l’attaccante è in posizione di fuorigioco di tre metri. Cosa paghiamo a fare gli arbitri se non chiamano neanche un fuorigioco di un metro? Ridiamo peso alla terna e quando sbaglierà li criticheremo ma è giusto che l’uomo si assuma la sua responsabilità e venga dato spazio al gioco.

VAR. “Il Var serve per vedere quello che un arbitro non può vedere. Il caso di Patric (Lazio) a Lecce è l’emblema di come e a cosa serva il Var. Un giocatore morde l’avversario, a palla lontana, nessuno può vedere. Il Var vede e interviene. Rosso e 4 giornate di squalifica. A questo serve il Var. Torniamo al calcio che ci piace perché siamo stati capaci di distruggere una tecnologia utile per il dettaglio, facendola diventare l’ossessione di uno sport bellissimo”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Esatto una vergogna 😕🤔🤮

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

RIMBECILLITI E BASTA LA TECNOLOGIA VIENE USATA SOLO IN AIUTO AGLI SQUADRONI A SCAPITO DELLE PICCOLE DOCIETA

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Ha ragione, ma molti sono rimbecilliti senza la tecnologia ma con la malafede, perché se la usassero forse capirebbero, umilmente, molti errori fatti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Sono le regole che vanno cambiate gli arbitri sono una casta perché loro va bene così.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Parole sante

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Ma io dico il mani di murriell il pallone calciato fuori area, da higuain

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Deve impazzire lui e tutti gli anti juventini

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Hai ragione ieri al Toro negato un rigore sacrosanto ma il var lì non interviene ! come quando Lautaro atterra Toloi li nessuno vede nessuno parla !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Basterebbe che gli albitri usano lo stesso metodo vedendo la partita inter torino col metodo usato con juve atalanta cera rigore per il toro che vincieva gia 1 a 0 e probabilmente l’ inter non era seconda come la juve non pareggiava ma perdeva ma cosi van le cose e non sempre vince il migliore ansi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Ha ragione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Grande CRISCITELLO !!!MOLTI ARBITRI SONO MOLTO MOLTO MOLTO SCARSI BRAVO.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
22 giorni fa

Sono d’accordo che la tecnologia dovrebbe aiutare ma il problema sta che un arbitro non ha mai giocato a pallone ,quindi capire o meno l involontarieta del fallo di mano è molto difficile e nessuno ha mai pensato di spiegarglielo . Es sabato sera il fallo di mani di Muriell ,per il regolamento è rigore ,ma la palla era calciata fuori dall aria di rigore , non verso la porta . È qui dove si dovrebbe istruire l arbitro sulla valutazione. Mio pensiero personale .

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News