Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Serie A, il tris in notturna: Roma quinta e ai gironi di Europa League. Mihajlovic e Sarri, che figura

fonseca

La Roma centra l’obiettivo con una giornata d’anticipo, a discapito del Milan, sbancando Torino. Juve ko a Cagliari, crolla il Bologna di Mihajlovic

La Juventus di Sarri che perde a Cagliari non sorpende anima viva, visto lo scudetto già vinto per inerzia. Né la Roma di Paulo Fonseca, considerando le aspettative a inizio stagione, può ballare sui tavoli per l’accesso all’Europa League dai gironi con una giornata d’anticipo. Ma è comunque un obiettivo centrato ai danni del Milan, costretto ai preliminari, senza l’affanno di dover tenere alta la tensione anche al gong. Poi ci sarà il Siviglia nell’edizione corrente di EL: gli andalusi sono privi di Nemanja Gudelj, trovato positivo oggi al Covid-19. Decisamente una brutta figura per la Juve di Maurizio Sarri a Cagliari e a Firenze per il Bologna di Sinisa Mihajlovic, neo nemico dichiarato di Gian Piero Gasperini dopo il loro battibecco da espulsione per il tecnico dei bergamaschi nello scontro diretto.

TORINO-ROMA 2-3 (1-2). I giallorossi tengono dunque i rossoneri a debita distanza sulle ali di una prestazione a sprazzi. Vantaggio di Berenguer, nel corridoio aperto da Simone Zaza, al 14′ saltando anche Pau Lopez e rimonta in un amen, con Dzeko su smarcante di Mkhitaryan (16′) e Smalling (23′) incornando l’angolo da sinistra di Carles Perez. Nella ripresa Diawara (16′) cala il tris dal dischetto punendo il tackle falloso di Djidji sul bosniaco, ma al ventesimo Singo la riapre in diagonale sfuggendo a Perez e bucando le mani all’incerto portiere romanista. Annullato perché oltre la linea dei difendenti al 92′ il possibile 4-2 quasi dal fondo ancora di Edin sugli sviluppi di un corner.

CAGLIARI-JUVENTUS 2-0 (2-0). I sardi si cavano lo sfizio di affossare i campioni d’Italia trafiggendoli col primo gol da professionista del 2000 Luca Gagliano (8′), fresco esordiente il 23 luglio in casa della Lazio (ko per 2-1). Il tap-in sul controcross del prestito bergamasco Federico Mattiello viene seguito dal bis al 2′ di recupero, prima dell’intervallo, del Cholito Simeone con un diagonale da posizione defilata imbeccato proprio dal fuoriquota della Primavera di Max Canzi. Bianconeri vicini al pari tra un pallone nella propria porta e l’altro, nelle mischie da corner non risolte da Bonucci (32′) e Higuain (36′), quindi con l’assolo di Cuadrado (42′) e la botta di Bentancur su palla di Bernardeschi (45′, Cragno super). Nella ripresa, al 6′, Buffon nega la doppietta all’argentino, poi Cragno fa lo stesso alzando la legnata del neo bergamasco Simone Muratore (9′). Guantato locale sul pezzo anche su Cristiano Ronaldo (23′ e 35′); Sarri concede il battesimo del fuoco a Luca Zanimacchia, ’98 della squadra Under 23 come Muratore, all’ora di gioco al posto di Pjanic e quasi gol allo scadere.

FIORENTINA-BOLOGNA 4-0 (0-0). Dominguez (11′) impegna severamente Terracciano in tuffo su una palla da sinistra di Musa Barrow rinviata corta dalla difesa di casa, poi l’asse con l’altro ex atalantino Orsolini produce un tiro-passaggio di esterno per Sansone (16′) la cui estirada davanti al secondo palo è in ritardo. Al 23′ viola vicina all’1-0, ma a Skorupski battuto sulla triangolazione di Chiesa con Cutrone salva Danilo con l’ex milanista ad alzare il tap in. Al 34′ punizione a giro centrale del gambiano. Al rientro dal tunnel, la doppietta di Chiesa: al 2′, all’altezza del dischetto, finalizzando la triangolazione con Castrovilli e Dalbert-Chiesa con deviazione di Medel, e all’8′ saltando Danilo al limite su apertura di Venuti. Al ventesimo Orsolini innesca il destro nel sette di Svanberg, ma è in fuorigioco. Chiudono Milenkovic al 28′, dopo il suo stesso colpo di testa rimpallato dal muro felsineo (angolo di Pulgar) e il conseguente tocco da due passi, e ancora il figlio d’arte Federico al 43′, a giro, su invito di Kouamé.

CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO. Ecco la classifica del massimo campionato dopo 37 partite: Juventus* 83 punti, Inter 79, Atalanta e Lazio 78, Roma 67, Milan 63, Napoli 59, Sassuolo 51, Hellas Verona 49, Fiorentina, Parma e Bologna 46, Cagliari 45, Udinese 42, Sampdoria 41, Torino 39, Genoa 36, Lecce 35, Brescia 24, Spal 20. Il prossimo turno (38a e ultima giornata): Brescia-Sampdoria (sabato 1 agosto, ore 18), Atalanta-Inter, Juventus-Roma, Milan-Cagliari, Napoli-Lazio (20.45); Spal-Fiorentina (domenica 2, ore 18), Bologna-Torino, Genoa-Hellas Verona, Lecce-Parma, Sassuolo-Udinese (ore 20.45).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News