Resta in contatto

News

Radovanovic, 32 anni in serbo: 2 annate a singhiozzo all’Atalanta

Il regista basso serbo, al Genoa da gennaio 2019, poco protagonista nelle due annate piene, a singhiozzo, in nerazzurro. Oggi ne fa 32

Cinque stagioni e mezza al Chievo e l’ultima una e mezza al Genoa, sempre da regista basso o quasi, dallo scorso gennaio in compagnia dell’ex atalantino Andrea Masiello. Contrasti e ribaltamenti di fronte: il pane di Ivan Radovanovic, oggi 32 anni, maglia dell’Atalanta vestita 33 volte, di cui 2 in B, 3 in Coppa Italia (2 da titolare) e 28 (3+8 dallo start) in A. A spizzichi e bocconi, tra 2009 e 2013, con Pisa, Bologna e Novara in mezzo, in prestito. All’attivo, si fa per dire, una retrocessione subito e il pugno in allenamento preso nel maggio 2013 a Zingonia da Marko Livaja, il croato a cui lui, serbo, faceva da autista.

SERBO A PRIMAVERA. Giunto dallo Smederevo nel 2007 dopo essere cresciuto nel Partizan, Radovanovic, di Belgrado, inizia nella Primavera di Alessio Pala, con cui disputa anche la doppia finale di Coppa Italia persa con la Sampdoria. Troppa concorrenza sotto Gigi Delneri per un diciannovenne: Diego De Ascentis, Simone Padoin, Antonino Bernardini, Fernando Tissone e Tiberio Guarente. In prima squadra, panchine da febbraio a maggio con Fiorentina, Palermo, Roma e Genoa.

RADOVANOVIC, IL SERBO CHE ODIAVA LA B. Nel 2008 a Bergamo arriva Luca Cigarini e il serbo va al Pisa. Nell’annata successiva, 14 partite (12 di campionato) nella rumba dei tecnici (Gregucci, Conte, Bonacina e Mutti). 2 gare in B ed è Bologna, di nuovo in A, perché chiuso da Edgar Barreto e Carlos Carmona. Radovanovic conserva la massima serie nel neopromosso Novara di Attilio Tesser, nell’avantindré in panchina con Emiliano Mondonico: 17 su 28 da titolare e il gol al Napoli, uno dei 6 in 335 partite (6 reti) da pro, più 12 nell’Under 21 e alle 10 nella Nazionale A della Serbia.

RADOVANOVIC, IL COLA IN SERBO. Nel 2012-2013 come condottiero c’è ancora Stefano Colantuono, lì dal 2010. E i due in mezzo sono sempre il Ciga e il Siete Pulmones cileno. 8 su 16 dall’inizio, ma la cosa più eclatante della sua ultima stagione bergamasca è appunto il cazzotto sulla mascella dell’amico Livaja, col match contro la Juve alle viste. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News