Resta in contatto

Approfondimenti

7 domenica, 85 nella storia. Atalanta-Fiorentina, quanti ex sulle due sponde

Non solo i sette di domenica 13 dicembre, Prandelli compreso: sono stati sia nerazzurri che viola 75 giocatori, 9 tecnici e… un team manager

Un settebello domenica, nella Santa Lucia che deciderà chi tra Atalanta e Fiorentina potrà festeggiare. 85 nella storia, sperando che non ne sia rimasto fuori nemmeno uno, tra campo, tolda di comando al di qua della riga di gesso e ruoli magari meno in vista, anche se è proprio un team manager, Alberto Marangon, nerazzurro nel 2005-2006 e poi a lungo da direttore della comunicazione alla Samp, dov’è tornato in estate dopo il quadriennio fiorentino, l’ottantacinquesimo di questa rassegna su chi in questa sfida è stato anche sull’altro fronte almeno una volta. Intanto, il 13 dicembre, di qua ci sono Pierluigi Gollini, Marco Sportiello, Cristiano Piccini, Josip Ilicic, Luis Muriel e di là la coppia Giacomo Bonaventura-Cesare Prandelli, uno dei 9 tecnici, anche se a Bergamo è stato in primis giocatore.

ATALANTA-FIORENTINA, GLI EX FAMOSI. Humberto Maschio, Dino Da Costa e Aurelio Milani, a segno per la Grande Inter di Herrera nella finale di Coppa dei Campioni nel 1964 contro il Real Madrid, sono i più famosi e nemmeno tra i più vecchiotti di una storia che rimonta parecchio indietro nel passato. Tra i più recenti, invece, Giulio Migliaccio, Giampaolo Pazzini, Bobo Vieri e Riccardo Montolivo.

GLI EX: I CASI LIMITE. 75 giocatori è una cifra lorda, perché comprende un paio di elementi mai passati dalle prime squadre. Precisamente il caso della mezzala Luzayadio Bangu, strappato quattordicenne dai viola e adesso al Gubbio in serie C, e dell’esterno Nicolò Fazzi, ceduto a titolo definitivo al Padova nell’estate del 2019 dopo i prestiti a Perugia, Cesena e Livorno.

GLI EX IN PANCHINA. Gli allenatori passati dalle due sponde non raggiungono la decina. Di essi, Ottavo Bianchi, Emiliano Mondonico e Cesare Prandelli hanno trascorsi a pelo d’erba solo in casa bergamasca, Ferruccio Valcareggi invece in Toscana. Gli altri sono Alberto Bollini (giovanili viola e vice di Edy Reja a Bergamo), Luigi Ferrero, Bruno Giorgi, Angelo Gregucci (secondo di Roberto Mancini a Firenze, 4 ko in altrettante giornate a Bergamo nel 2009), Delio Rossi e lo stesso “Zio Uccio”. Janos Nehadoma, Renato Gei e Corrado Viciani hanno calpestato i prati con la Fiorentina allenando poi soltanto l’Atalanta; per Alberto Cavasin vale il contrario.

Anni ’20-’30: Mario Paniati (a, 1907). Anni ’30-’40-’50: Eligio Vecchi (a, 1910), Carlo Piccardi (d, 1919). Anni ’40: Mario Gritti (a-c, 1923). Anni ’40-’50: Cesare Meucci (c, 1921). Anni ’50-’60: Amos Mariani (a, 1931), Aurelio Milani (a, 1934), Orlando Rozzoni (a, 1937), Lucio Dell’Angelo (c, 1938), Rino Marchesi (c, 1937), Humberto Maschio (c, 1933). Anni ’60: Alfredo Paolicchi (p, 1938), Dino Da Costa (a-c, 1931), Luigi Milan (c, 1937), Giancarlo Danova (a, 1938), Paolo Lazzotti (c, 1941). Anni ’60-’70: Roberto Mazzanti (c, 1942), Paolo Nuti (a, 1944), Elvio Salvori (c, 1944), Sergio Clerici (a, 1941). Anni ’70: Raffaello Vernacchia (c, 1951), Renato Cipollini (p, 1945), Giancarlo Alessandrelli (p, 1952). Anni ’70-’80: Giuliano Giorgi (d, 1961), Gian Filippo Reali (d, 1951).

Anni ’80: Sauro Fattori (a, 1961), Renzo Contratto (d, 1959), Mario Bortolazzi (c, 1965). Anni ’80-’90: Daniele Carnasciali (d, 1966), Stefano Salvatori (c, 1967). Anni ’90: Giacomo Banchelli (a, 1973), Stefano Rossini (d, 1971), Massimo Orlando (c, 1971), Gianluca Luppi (d, 1966), Angelo Carbone (c, 1968), Giovanni Piacentini (c, 1968). Anni ’90-2000: Massimo Paganin (d, 1970), Stefano Sottili (d, 1969), William Viali (d, 1974), Marco Nappi (a, 1966), Christian Vieri (a, 1973), Luciano Zauri (d, 1978), Cesare Natali (d, 1979), Michele Cossato (a, 1970), Maurizio Ganz (a, 1968), Duccio Innocenti (d, 1975), Domenico Morfeo (a-c, 1976), Andrea Sottil (d, 1974).

Anni 2000: Giampaolo Pazzini (a, 1984), Alessandro Diamanti (c, 1983), Andrea Ivan (p, 1973), Andrea Soncin (a, 1978), Luca Ariatti (c, 1978), Michele Bacis (d, 1979; cognato di Ivan Pelizzoli), Leonardo Pettinari (c, 1986), Thomas Manfredini (d, 1980), Pablo Osvaldo (a, 1986), Andrea Lazzari (c, 1984), Riccardo Montolivo (c, 1985), Jaime Valdes (c, 1981), Giulio Migliaccio (c, 1981), Alessio Cerci (c, 1987), Vlada Avramov (p, 1979), Yohan Benalouane (d, 1987), Cristiano Biraghi (d, 1992), Davide Brivio (d, 1988), Pierluigi Gollini (p, 1995), Marco Sportiello (p, 1992), Jasmin Kurtic (c, 1989), Josip Ilicic (c-a, 1988), Luzayadio Bangu (c, 1997; mai giocato in prima squadra sulle due sponde, in viola dall’Under 17), Nicolò Fazzi (c, 1995; ibidem, vivaio Fiorentina), Gianluca Mancini (d, 1996), Giacomo Bonaventura (c, 1989), Cristiano Piccini (d-c, 1992).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Ogni anno si vendono giovani emergenti e si acquistano talenti non ancora sbocciati ...."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

Altro da Approfondimenti