Resta in contatto

Esclusive

Allenatrice esonerata per “colpa” di alcune foto presenti su Instagram

Alice Broccoli

La protagonista della vicenda è la bergamasca Alice Broccoli, da sempre grande tifosa atalantina

“Oggi sono stata licenziata per le foto che pubblico sul mio profilo Instagram”. Questa la frase che appare nella storia Instagram di Alice Broccoli e che è balzata agli onori della cronaca nelle ultime ore. Alice era un allenatrice degli esordienti dell’Asd San Martino a San Leone (di Roma, quartiere Pigneto) che è stata esonerata a causa di alcune foto presenti sul proprio profilo personale Instagram. Foto che la società non ha ritenuto compatibili con il ruolo di allenatrice/educatrice. In un’altra storia Alice aggiunge: “Sono stata licenziata perché mi è stato detto che un’allenatrice/educatrice non può pubblicare certe foto sui social”. E poi: “Tutto quello che io faccio e ho fatto come persona viene cancellato e azzerato a causa di foto sul mio account personale di Instagram. Ciliegina sulla torta, del resto ho sempre dovuto fare il doppio per essere accettata la metà in una società dove essere una donna è un difetto”. Dando un’occhiata al profilo Instagram di Alice non si trova nulla di diverso da quel che si trova in molti altri: qualche foto in spiaggia, qualcuna sul campo da calcio, qualche scatto casalingo e tante storie dedicate all’Atalanta.

Contattata in esclusiva dalla nostra redazione, Alice ha spiegato l’accaduto. “Sono molto dispiaciuta perché questa decisione ha fatto arrabbiare parecchio i genitori e ha deluso i bambini. Lavoravo da anni in società: avevo iniziato come dirigente, poi come aiuto allenatore, poi un anno con i “Piccoli Amici”, mentre quest’anno ero alla prima esperienza come primo allenatore con gli esordienti”. In queste parole traspare molta amarezza, soprattutto considerata anche le difficoltà che incontrano le donne che vogliono lavorare nel mondo del calcio. “In generale, se sei una donna e vuoi fare un lavoro da uomo devi lottare il doppio. Nel calcio ancor di più: è scontato che un maschio, sin dalla tenera età, prenda a calci una palla. Una donna invece se la deve sudare tantissimo e io ho fatto molti sacrifici per meritare il ruolo che avevo”.

Alice Broccoli con i ragazzi

L’amore di Alice per l’Atalanta è talmente forte che anche i bambini che allenava lo hanno percepito. “I nerazzurri sono uno spunto per chi insegna calcio perché sono fra i pochi che trasmettono valori come l’attaccamento alla maglia e il senso di squadra. Porto un esempio: i primi tempi, quando i bimbi calciavano i rigori, si immedesimavano tutti in Messi o Ronaldo. Ora invece è comparso anche qualche atalantino”.

Ma cosa ci fa un’atalantina a Roma? “Una scelta di vita – spiega –. Sono quasi dieci anni che abito qui. Ma l’amore per l’Atalanta nacque quando ero bambina. Nell’azienda di famiglia sentivo sempre i racconti della Curva, dello stadio, la maglia della Dea e io, amante del calcio, ero sempre lì ad ascoltare tutto. Mi sono appassionata tantissimo. Giocatori? Sono una superfan di Zampagna. Lo adoro alla follia perché ha dimostrato di essere un grande uomo d’onore. Poi non posso non nominare Stromberg”.

Peccato non abbia visto l’Atalanta trionfare nella Coppa Italia. “Già, ma quel giorno non ho potuto essere allo stadio. C’ero però quando la Dea vinse in casa della Roma e segnò Zapata. Peccato che, essendo residente a Roma, non potei andare nel settore ospiti e fui costretta a guardarla in silenzio in mezzo ai romani senza esultare ai gol. Stadio di Bergamo? E’ da molto tempo che non riesco a tornare, ma appena posso lo farò. Non ho ancora visto lo stadio nuovo”.

In merito alla vicenda dell’esonero, la redazione di CalcioAtalanta ha provato a contattare anche la società Asd San Martino a San Leone per avere la sua versione, ma non ha ancora ricevuto risposta.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Sogni Birre
Sogni Birre
9 ore fa

A chi ‘un gli garba l’effi n’occhio… 😄😄😄😄

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

È in mutandine.. Poi si la maglia è ok 👍

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Anche a Jenny nel film “forrest gump” è capitata una cosa simile..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Età della pietra.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

sei la benvenuta a BG con tanto di asilo politico…anche se in comune a bergamo va di moda la tisana al finocchio

mv
mv
18 ore fa

Sessimo ed omofobia in un commento solo. Complimenti. Che tristezza.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Ciao ragazzi qualcuno mi può indicare dove posso comprare delle arnie affidabili di bombi? Grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Roma 💩💩💩💩

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

non mi piace vedere la ns maglia in una foto del genere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Ce ne faremo una ragione…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

… e, come dicono a roma, “E stica××i?“

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

e va bhe pero’ ci sono profili instagram che sono uguali alle vetrine di Amsterdam

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 giorni fa

Robe da matti, allora licenziamo tutti gli sportivi uomini che mostrano gli addominali e si fanno fotografare in mutande.
I valori della Dea come esempio per i bambini a Roma, bellissimo!
🖤💙

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "Non e'stato un quaraqquaca come tanti giocatori al giorno d'oggi Grande"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Magrin, l'ho conosciuto di persona e incontrato per caso un paio di volte nel 2001 al di fuori del "campo" persona seria e umile, mi ha colpito il..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Ogni sera mi addormentavo pensando la tattica e soprattutto la formazione che avrebbe mandato in campo, e devo dire che alla fine, ho imparato a..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive