Resta in contatto

News

Ghio, Plasmati e Boakye: compleanno per tre

boakye

Bottino da tris in maglia Atalanta di Plasmati, 5 di Boakye, 4 dell’altro bomber di scorta Ghio negli anni settanta. Un compleanno per tre

Un compleanno da tris di portate quello in quota ex di giovedì 28 gennaio. La meteora padovana (1972-1973) di Agna Gian Piero Ghio, mestierante dell’attacco (Samp, Vis Pesaro, Monza, Avellino, Lazio, Napoli, Inter, Novara, Juniorcasale, Brescia, Cavese e Colligiana), anni Settanta. Accomunato a Gianvito Plasmati da Matera e al ghanese di Accra Richmond Boakye dal magro bottino: 4 il neo settantasettenne, 1 di meno il lucano che scrive 38 e 1 di più il ventottenne ex prestito riscattato dalla Juventus, svezzato da un certo Gian Piero Gasperini, che è riuscito a sfondare solo nella Stella Rossa.

GHIO, IL BOMBER DI COPPA. Gol al Como e doppietta alla Reggina nel girone di qualificazione di Coppa Italia (10 presenze in tutta la manifestazione) consentono a Ghio di recitare la parte dello specialista di metà settimana a differenza dei punteros che spengono le candeline oggi con lui. In campionato (9 partite, 6 da titolare), invece, solo uno dei tre punti della bandiera nell’umiliante 9-3 subìto dal Milan a San Siro il 15 ottobre ’72: il secondo, sul 6-1, correggendo di testa la punizione crossata di Giovanni Pirola, dopo Bruno Divina (2-1) e prima dell’8-3 di Alberto Carelli, ala o tornante di un reparto il cui cannoniere in una stagione di A (allenatore Giulio Corsini) sfortunata, leggi caduta in B all’ultima giornata causa autorete di Giacomo Vianello col Vicenza, fu Sergio Pellizzaro con un risicato poker.

PLASMATI, IL SASSO DI MATERA. Gigi Delneri, a stagione ormai senza più senso, ebbe a schierare i 198 centimetri del materano Plasmati, 49 di scarpa, arrivato il 2 febbraio 2009 con le uniche credenziali di averla messa di testa a Inter e Juve nel Catania di Walter Zenga. Senza chissà quale stacco ne fece due su tre in maglia Atalanta, vedi doppietta al Palermo (2-2), da lui punito a ruota della Fiorentina (che a Bergamo però vinse 2-1). Era il bomber di scorta, dietro Cristiano Doni e Sergio Floccari, infortunatosi un Bobo Vieri al lumicino. Ed erani i tempi della strana coppia con Marino Defendi, il Caniggia di Pognano. Stagione 2008/2009 (12 presenze, la metà dal 1′), la seconda e l’ultima del profeta di Aquileia che ereditò da Stefano Colantuono il 4-4-1-1. Svincolato dal Matera, fermo dal febbraio 2019 per esclusione dalla C della squadra della sua città, ai tempi arrivò in prestito dal rosazzurro Etna, 300 mila onerosi e riscatto della comproprietà a 1,5 milioni. Sotto Marco Giampaolo e poi Diego Simeone, ma fuori rosa a causa della contestata validità del contratto, al rientro in Sicilia fu compagno anche del Papu Gomez. Prodotto del Materasassi e della Virtus Locorotondo, in carriera ha toccato anche Chieti, Brindisi, Ragusa, Fidelis Andria, Crotone, Foggia, Taranto, Nocerina, Varese, Vicenza, Lanciano, Siena, Leyton Orient e Messina.

BOAKYE, BOMBER DA STELLA ROSSA. Manita nel sacco, infine, per Boakye, svincolatosi recentemente dai serbi della capitale con cui ha vinto due titoli nazionali, capitato quando il centrattacco era German Denis e comunque capace di ritagliarsi 19 match in A (8 da titolare) segnando a Cagliari, Parma (matchball) e Fiorentina più 3 in Coppa Italia con doppietta all’Avellino. Genoa (1 campionato, 1 Coppa Italia e 2 Supercoppe Primavera), Sassuolo, Elche, Roda (da prestito nerazzurro), Latina (idem) e Stella Rossa le tappe successive, passando inverno e primavera 2018 in Cina con lo Jiangsu Suning. Con la Crvena Zvezda, sessantina di timbri, compresi 8 in Europa League e la metà in Champions. Curiosità? Sotto la Laterna a farlo esordire fu il Gasp. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News