Resta in contatto

Rubriche

Atalanta-Lazio, le pagelle nerazzurre

Muriel è il più vivace dei nerazzurri, Palomino fa anche peggio rispetto a mercoledì, Ilicic viaggia a fasi alterne

Dopo la sconfitta di mercoledì sera in Coppa Italia, la Lazio si rifà superando per 3-1 l’Atalanta nelmatch del Gewiss Stadium di Bergamo che segna l’inizio del girone di ritorno di bergamaschi e capitolini. Biancocelesti avanti con le reti di Adam Marusic e Joaquin Correa, i nerazzurri accorciano le distanze nella ripresa con Mario Pasalic, ma a meno otto dalla fine Vedat Muriqi chiude i conti. Questi i nostri giudizi al termine dell’incontro:

Gollini 6: sorpreso da Marusic in avvio, salva i suoi in un paio di occasioni disinnescando le conclusioni sempre insidiose di Milinkovic-Savic. Incolpevole sul raddoppio biancoceleste di Correa, qualcosa di più avrebbe potuto fare su Muriqi.
Toloi 6: fa il centrale, il terzino e all’occasione anche l’attaccante, non sempre con lucidità e precisone ma sicuramente con grande generosità.
Palomino 4.5: in difficoltà nella gara di mercoledì (conclusa anzitempo per un’espulsione), ancora di più oggi. Fatica a prendere le misure agli avanti avversari che uniscono muscoli e velocità, caratteristiche complicate di fermare con la sola fisicità.
Djimsiti 5.5: primo tempo più che sufficiente per il difensore albanese che, però, firma un’uscita disastrosa insieme a Palomino nell’azione che libera Correa e permette all’attaccante della Lazio di firmare il raddoppio.
Maehle 6: Gosens e Hateboer sono un’altra cosa, se non altro per quanto siano riusciti a fare propri i movimenti che vuole Gasperini. Il danese li sta studiando e in attesa di ripeterli come si deve mette in mostra una discreta gamba.
De Roon 5.5: la densità della mediana della Lazio e le continue verticalizzazioni del gioco lo costringono a un lavoro extra che lo porta ad andare talvolta in affanno.
Freuler 6: come il compagno di reparto soffre la buona vena dei diretti avversari. Non demerita, ma non lascia nemmeno il segno. La sufficienza ci sta, ma dallo svizzero siamo abituati a vedere prestazioni di ben altra caratura (32′ st Caldara sv).
Ruggeri 5.5: inizia con buon piglio la gara ed è protagonista di un paio di affondi con cross interessanti, ma col passare dei minuti esce da una gara per lui complicata (1′ st Malinovskyi 5: un po’ trequartista, un po’ esterno, alla fine inconcludente).
Miranchuk 5: Gasperini inizialmente gli chiede di muoversi sul centro sinistra, ma sembra quasi spaesato. Il tecnico, quindi, lo sposta sulla destra ma l’esito è lo stesso (8′ st Pasalic 6: realizza il gol più facile della sua carriera anche se non serve a nulla. Comunque bentornato).
Ilicic 5.5: catalizza tutti i palloni in zona offensiva della Dea, ma la giornata non è delle migliori e la sua prestazione non va oltre a qualche lampo e nulla più (21′ st Lammers sv).
Zapata 5: la condizione sembra buona e per questo la Lazio gli predispone una gabbia strettissima che annienta la pericolosità del colombiano, autore di qualche duello individuale e un colpo di testa scarsamente pericoloso, insomma, troppo poco (8′ st Muriel 6.5: l’uomo dei secondi tempi firma la cosa migliore nel pomeriggio dell’Atalanta con un numero su Acerbi che spiana la via del gol a Mario Pasalic).
Gasperini 5.5: l’Atalanta non gira come al solito, il tecnico prova a dare la scossa cambiando moduli e uomini, ma senza trovare una valida soluzione.

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

gollini è la seconda volta che prendi gol parabili, se si tuffa dal centro della porta non arriverà mai all’incrocio, deve fare 1 o 2 passi prima

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Condivido pienamente, vuole dribblare sempre senza averne le capacità!!!
Rendimento scarso e controproducente….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Bisogna avere il coraggio di sostituire anche ilicic,quando non gira e questo succede più delle volte, minimo contatto giu per terra,anche gas ha le sue colpe

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Mahele il migliore di tutti…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Io mi domando perché questa partita la si è voluta praticamente regalare a sti zozzoni laziali

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Non sempre le ciambelle escono con il buco sempre avanti mai paura forza DEA che risalì

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Malinowsky Miranckuk e Lammers inguardabili
Ilicic oggi insufficiente insieme a Zapata. Se non gira Ilicic soffriamo in attacco
Palomino tanta buona volontà ma un disastro
Gollini oggi insufficiente 2 goal sulla coscienza
Gli altri benino
Pazienza ci rifaremo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

gollini 6?4 deve prendere 2gol colpa sua alla grande, DE ROON 8 l’unici OVUNQUE a recuperare palla MAELHE 7 fare entrambe le fasce oggi nn è da tutti ed è l’unico nuovo che merita il campo MIRANCHUK 4 troppo molle sempre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sempre Deea e avanti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Fin troppo generosi questi voti

Ecom
Ecom
2 mesi fa

Gollini insufficiente di sicuro. Il primo non l’ha visto, il secondo doveva essere al limite dell’area.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

la strada è ancora lunga! Si può anche perdere no?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma scusate tutti….. Mio figlio mi ha fatto ascoltare le storie istagram di un certo Er Faina, ma secondo voi è normale il tizio? Delle offese pesantissime a Gasperini…. Ma la gente sta bene? Questo è da denuncia

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ci rifaremo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Male tutti , ma preoccupante miranciuk,

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grazie ragazzi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sbagliare partita può capitare a questa splendida squadra. Solo uno è da bocciare e secondo me definitivamente. Malinowsky ormai è inguardabile da settimane. Non tiene un pallone, non aiuta la squadra e simula ogni volta che c’è un contatto.

Davide
Davide
2 mesi fa

Opinone personale: per me è fuori posto, lo vedrei meglio a centrocampo come vice Freuler, perché offensivamente non mi sembra granché.

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Finale mondiale del 70, Domingo il migliore in campo per l' Italia. Grande ala destra nel mio Cagliari scudettato"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Un signore dai toni sempre garbati e grande conoscitore del calcio e dei suoi uomini da cui sapeva sempre estrarre il meglio. Mai un insulto..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Gusto Scala il precursore di Cristiano Doni. Spareggi di Genova lui nella storia atalantina, bei ricordi di gioventù nerazzurra."
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "cuore nerazzurro"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Grande Magrin... Insieme a Gigi De Agostini, i miri preferiti in quella juve anni '90"
Advertisement

Altro da Rubriche