Resta in contatto

News

Auguri a Rossini e Volpi

Il 2 febbraio è il compleanno di due giocatori passati come meteore nel mondo Atalanta: Rossini poco più d’una stagione, Volpi soltanto mezza

Il terzino sinistro ne fa 50 tondi tondi, il regista basso della seconda metà di stagione dell’ultima retrocessione 47. Doppio compleanno nel segno dell’Atalanta anche oggi, martedì 2 febbraio: il tempo di spegnere le candeline sulla torta è arrivato anche per Stefano Rossini, prevalentemente terzino sinistro nella Dea dell’Emiliano Mondonico atto II, e per Sergio Volpi, mezza stagione proprio nell’ultima da caduta a piombo in cadetterìa.

ROSSINI, MA NON FAUSTO. Omonimo dell’attaccante Fausto, sette rivoluzioni terrestri meno di lui, di Viadana (mantovano ma quasi emiliano) anziché di Grosseto, il Rossini della difesa arrivò dal Piacenza, quello tutto italiano di Gigi Cagni coi futuri nerazzurri Massimo Taibi e Nicola Caccia, nell’estate del ’96 salvo abbandonare per Lecce nelle liste suppletive di novembre dell’anno successivo, dopo 29 presenze di cui 2 in Coppa Italia, 22 complessive da titolare. Il reparto contava sui vari Paolo Foglio, Zoran Mirkovic che era più o meno il suo alter ego più difensivo e bloccato, Gianluca Luppi, Massimo Carrera “la Bandéra”, Andrea Sottil, Nicola Boselli, Fabio Rustico e poi Robert Englaro e Cristian Zenoni. Uno dei tanti difensori del Mondo durò pochino, tipico di un calciatore anni ottanta e novanta senza un punto fermo a dispetto del buon talento: Parma, Inter di cui è un prodotto, Udinese, Como, Ternana, Cremonese, Reggiana, Pizzighettone, Fidenza, Oltrepò, LibertaSpes, Royale Fiore con ritiro quarantunenne da calciatore le altre tappe di una carriera lunghissima, da figlio d’arte del professor Franco, tecnico di Viadana, Suzzara e Reggiolo, comprensiva del titolo europeo Under 21 nel ’92 sotto Cesare Maldini ai danni della Svezia, l’Olimpiade dell’anno dopo a Barcellona (25 presenze e 2 reti nella prima, 5 nella seconda) e delle panchine fra LibertaSpes (giovanili), Royale Fiore, Pavia (giovanili e prima squadra) e Vigor Carpaneto.

VOLPI, AUGURI ALL’INNESTO. Approdato pressoché a fine della parabola da professionista a Zingonia il 29 gennaio 2010, quando Bortolo Mutti era già succeduto ad Antonio Conte, a sua volta sostituto di Angelo Gregucci, Volpi, ex figurina da chewing-gum ricercatissima e quasi introvabile al pari di Paolo Poggi nel Bari di Eugenio Fascetti, venne presentato insieme all’altro innesto invernale classe 1974 Nicola Amoruso riuscendo se possibile a essere più superfluo. L’altro, almeno, avrebbe illuso tutti di una possibile vittoria nella tana della Juventus, da ex, mentre il centrocampista centrale dalla legna proibita anche da fermo, bresciano di Cossirano di Trenzano, nato a Orzinuovi, riuscì a ritagliarsi una mera cinquina di allacciate di scarpe, di cui una sola da titolare nell’occhiale con l’Udinese il 7 marzo 2010 a Bergamo, in mezzo a un reparto coi vari Barreto (rotto), De Ascentis, Guarente, Padoin e Paolo Zanetti, altro innesto di un mercato di riparazione che forse poteva avere un senso col precoce ingaggio in avanti del sivigliano Ernesto Chevanton. Brescia, Carrarese, Venezia, Sampdoria, Bologna, Reggina (da cui era in presito) e di nuovo Piacenza, con scarpe al chiodo a quota 37, la vicenda sul campo che lo vide pure due volte azzurro senior da blucerchiato. Da mister, anche qui, fortuna pochina: Berretti piacentini, Giovanissimi Nazionali delle Rondinelle, , Junoores dell’Adrense prima dei “grandi” d Franciacorta le tappe stanche di una tolda di comando difficoltosa. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News