Resta in contatto

Le pagelle di Calcioatalanta

Atalanta-Napoli: Pessina firma la doppietta della vita, Gosens instancabile

Dopo lo 0-0 della gara di andata, l’Atalanta supera per 3-1 il Napoli nel match di ritorno della semifinale di Coppa Italia, conquistando così l’ultimo atto che si giocherà a Roma contro la Juventus.

GOLLINI 7

Dopo un primo tempo da spettatore non pagante, come capitato in altre gare, nella gara si fa notare per un paio di interventi, uno forse non perfetto in occasione del gol di Lozano e poi uno pazzesco per chiudere lo specchio della porta a Osimhen per salvare il risultato.

TOLOI  7

A volte viene davvero da pensare che il suo ruolo naturale sia quello di attaccante per le tante volte in cui lo si vede in area avversaria.

PALOMINO 6.5

Inizia il match in salita rimediando subito un’ammonizione che, però, non compromette la sua prova che sale col passare dei minuti quando riesce a prendere le misure agli attaccanti avversari.

DJIMSITI 7

Con Osimhen dà vita a un duello entusiasmante sotto l’aspetto fisico: il nigeriano non viene assistito troppo dai compagni, ma quando prova a imbucarsi negli spazi arriva sempre il difensore albanese a mettere una pezza.

SUTALO 7

Tirato fuori dalla naftalina giusto un paio d’ore prima dell’inizio del match gioca una gara senza particolari sussulti ma con tanta sostanza, anche se non soprattutto in fase di ripiegamento quando fa valere le sue doti naturali.

DE ROON 7

Se il Napoli fatica a portare uomini in area avversaria lo si deve soprattutto all’azione di copertura del mediano olandese che col suo movimento a elastico garantisce all’Atalanta di non perdere mai le distanze.

FREULER 6.5

Forse un po’ meno presente nella manovra di costruzione rispetto al solito, ma si distingue comunque per la sua generosità in fase di non possesso quando c’è da rincorrere gli avversari e recuperare palla.

GOSENS 7

Sulla destra fa il bello e il cattivo tempo, garantisce la superiorità numerica in area avversaria ed è la prima scelta nelle manovre dell’Atalanta.

PESSINA 8

L’equilibratore nerazzurro sa spesso essere l’uomo in più nello scacchiere tattico di Gasperini. Non avrà la qualità tecnica del 10 classico, ma ha gamba e senso nell’inserimento, come al 15′, quando firma il gol del 2-0 che dà un po’ di tranquillità alla Dea, oppure quando a -10 dal termine realizza il definito 3-1.

MURIEL 6.5

Non segna (per una volta), ma è una presenza costante nel gioco dell’Atalanta perché alla velocità sa unire qualità tecniche sopra la media.

ZAPATA 7.5

Nel prepartita aveva promesso di dare il massimo contro la squadra che l’ha portato in Italia. Nel suo tabellino personale trovano posto il gol del vantaggio dopo soli 10′, un altro paio di occasioni sfiorate e l’assist per la rete di Pessina. È stato di parola.

ILICIC 6.5

Qualche minuto per carburare poi prende in mano le redini del gioco dando sfogo al suo mancino sempre educatissimo e capace di trasformare ogni pallone in un pericolo.

CALDARA 6

Entra per dare una mano alla retroguardia nell’ultima parte di gara.

PASALIC S.V.

 

GASPERINI  8

Non sarà stata una gara perfetta, ma è stata una prestazione di generosità, grinta, carattere, ma anche tanta qualità seppure a sprazzi. Con queste armi la sua Atalanta supera per 3-1 il Napoli e conquista con merito la finale di Roma contro la Juventus. Giocando così, sognare il primo trofeo della sua gestione non è impossibile

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grande Mister grande Dea grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

In 80 anni di storia l’HC LUGANO ha vinto 7 titoli

Lupo Bergamasco
2 mesi fa

Palomino, purtroppo, da brividi freddi, Freuler almeno mezzo voto in più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Vabbè, era il Napoli, mica il Barcellona 😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Non concordo sul voto a Freuler, per me merita un punto in più, grazie a lui l’Atalanta resta sempre equilibrata ed è sempre un alternativa per tutti i compagni.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Questo Pessina cresce sempre di più……e ha un’altra qualità gli vogliono tutti bene…….grande Dea….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sentire i commenti Rai sembra una partita rubata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

La dea ha giocato in 12….il dodicesimo ? I TIFOSI delle ore 18 a Zingonia !!!!! GRANDI ♥️♥️♥️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

10 E LODE A TUTTI MISTER COMPRESO E PURE I TIFOSI💙🖤💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grandi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Pessina stratosferico, gollini miracoloso, Zapata finalmente in partita e palomino da mani nei capelli. Comunque finale strameritata 🖤💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Palomino non si può vedere

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Finale mondiale del 70, Domingo il migliore in campo per l' Italia. Grande ala destra nel mio Cagliari scudettato"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Un signore dai toni sempre garbati e grande conoscitore del calcio e dei suoi uomini da cui sapeva sempre estrarre il meglio. Mai un insulto..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Gusto Scala il precursore di Cristiano Doni. Spareggi di Genova lui nella storia atalantina, bei ricordi di gioventù nerazzurra."
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "cuore nerazzurro"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Grande Magrin... Insieme a Gigi De Agostini, i miri preferiti in quella juve anni '90"
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calcioatalanta