cropped-CA-logo.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Juventus beffata dal Porto in 10: inutile doppietta di Chiesa (3-2, 1-2 all’andata)

Beffa cocente per la Juventus con un Porto in 10 dal 9′ del secondo tempo per una follia di Taremi: Chiesa ne fa due, ai supplementari un gol per parte

Scarsa personalità ontro una squadra rimasta in inferiorità numerica più un Cristiano Ronaldo in versione zavorra davanti più pollo dietro, leggi spalle al tiratore e saltello lasciando passare la sfera, uguale eliminazione della Juventus agli ottavi di finale a favore del Porto. I lusitano sono bravi a sfruttare gli episodi segnando un altro gol su calcio piazzato nel secondo supplementare, dopo il 2-1 dei tempi regolamentari (stesso score dell’andata) causato dal rigore di Sergio Oliveira e dall’altro doppiettista della serata, Federico Chiesa. Inutili l’incornata del sorpasso finale di Rabiot e i quattro minuti abbondanti di recupero. Andrea Pirlo esce allo stesso punto della Champions League del predecessore Maurizio Sarri.

CHIESA PREDICA NEL DESERTO. Ripresa a spron battuto da parte dei bianconeri, in cui in realtà CR7 parte benone stoppando spalle alla porta il lancio di Bonucci per scaricare la palla del pari all’ex viola,
che convergendo da mancina insacca l’1-1. Al 7′ CR7 imbecca Ramsey che imbocca Marchesin, due minuti ed esplode la follia di Taremi che appena ammonito per una carica sul pareggiatore allontana scioccamente il pallone dopo un fallo di Marega. Due gialli in nemmeno tre minuti. Rabiot (12′) lancia di nuovo l’ex Fiorentina che elude il portiere fino al recupero di Pepe che mette in corner dopo il palo pieno. Il portiere nemico smanaccia la zuccata di Ronaldo su angolo di Arthur (17′), appena prima del sorpasso dell’ala classe ’97 che di piena fronte incoccia perfettamente la palla tesa di Cuadrado. Bianconeri all’assalto col portoghese di Madeira che però al 33′ spreca con una torre nel nulla sull’ennesimo ammollo del colombiano. Al 37′ Rabiot pesca Chiesa, che però sbatte su Marchesin in uscita tentando di piazzarla sul palo lontano, ma c’è anche il break di Corona su cui Szczesny deve distendersi.

JUVENTUS BEFFATA DAL PORTO. Dragoes sempre sul pezzo nonostante l’inferiorità numerica, anche se Marega (40′) gira sull’esterno dall’area dopo aver gabbato un Demiral ancora intontito dal rigore provocato nel primo tempo sul compagno di linea poi impazzito dell’avversario. In avvio di recupero Morata si vede annullare il gol di esterno della qualificazione evitando i supplementari, ma sembra in linea (forse ha il piede sinistro davanti) sul lancio di Artur. Al 93′ Cuadrado (ammonito per proteste al 2′ del primo extra time, salterà la prossima partita) rientra sul sinistro pareggiando il conto dei legni (Taremi al 7′, incrocio alto di testa) cogliendo la faccia inferiore del montante. Nel primo supplementare Marega spreca di testa telefonandola all’estremo juventino (9′) l’invenzione di Corona sugli sviluppi del secondo angolo (a 12, fin lì) dei suoi. Nel secondo, al 5′, assolo da sinistra del nuovo entrato Kulusevski che sbatte su Mbemba facendosi rimpallare in fallo di fondo. All’8′ Morata a rimorchio del Kulu tornato sul suo lato, tiro strozzato e senza angolazione. Quindi la beffa, con Szczesny colpevole che non trattiene la stoccata da fermo dell’unico marcatore ospite, Marchesin che la prende a Ronaldo (zuccata su angolo di Bernardeschi, prima gambe larghe in barriera) e Rabiot che infila staccando sul susseguente tiro dalla bandierina dell’altro ex Fiorentina. De Ligt crolla sul contrasto al 120′ ma è corner, Rabiot al 2′ di recupero calcia alle stelle.

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Demiral, Bonucci (30′ st De Ligt), Alex Sandro; Ramsey (30′ st McKennie), Arthur (12′ pts Kulusevski), Rabiot, Chiesa (12′ pts Bernardeschi); Morata, Ronaldo. A disp.: 31 Pinsoglio, 77 Buffon, 3 Chiellini, 36 Di Pardo, 37 Dragusin, 38 Frabotta, 41 Fagioli. All.: Pirlo.
PORTO (4-4-2): Marchesin; Manafà, Mbemba, Pepe, Zaidu (26′ st Luis Diaz); Otavio (17′ st Sarr), Oliveira (13′ sts Loum), Uribe (45′ st Grujic), Corona (13′ sts Diogo Leite); Marega (1′ sts Toni Martinez), Taremi. A disp.: 99 Diogo Costa, 28 Anderson, 30 Evanilson, 31 Nanu, 50 Fabio Vieira, 85 Francisco Conceicao. All.: Sergio Conceicao.
Arbitro: Kuipers (Paesi Bassi).
RETI: 19′ pt rig. Sergio Oliveira (P), 4′ e 18′ st Chiesa (J), 10′ sts Sergio Oliveira (P), 12′ sts Rabiot (J).
Note: espulso Taremi al 9′ st per somma di ammonizioni (comportamento non regolamentare). Ammoniti Otavio, Taremi, Chiesa, Cuadrado, Sergio Oliveira, Bernardeschi, Rabiot, Mbemba. Corner 19-2, recupero 4′ e 6′ + 4′ sts.

Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Forever Dea
Forever Dea
3 anni fa

ahqhahahahahah e menomale che volevano vincere la Champions

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Preso Ronaldo x vincere la Champions?

Articoli correlati

gasperini fiorentina-atalanta
Il nome di Gasperini fa sempre gola a tanti club, ma intanto Bergamo se lo...
gasperini atalanta
L'ex tecnico di non poche società di grido del panorama continentale ha il cavallo di...
Tra Champions ed Europa League, l'Atalanta deve badare a non arrivare più sotto del sesto...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...

Diretta tv, streaming e live testuale della partita che può valere la corsa alla qualificazione...

Altre notizie

Calcio Atalanta