Resta in contatto

Approfondimenti

All’andata rimase seduto, ora Piccoli spera di sfidare la sua Dea

Bergamasco doc, nonostante il minutaggio limitato si è tolto le sue soddisfazioni in questi primi mesi di Serie A

Roberto Piccoli non vive un momento facilissimo in quel di La Spezia, perchè nell’ultimo mese e mezzo ha avuto modo di giocare solo una manciata di minuti in occasione del match contro la Fiorentina. Il motivo non è riconducibile solo a scelte tecniche, ma anche a più di un problema fisico che ha finito per limare le sue possibilità, soprattutto perchè tante porte si sarebbero potute aprire per il classe 2001 sorisolese dopo il gol segnato contro la Roma all’Olimpico lo scorso 23 gennaio.

Ora, dopo tre gare senza giocare con tanto di tribuna contro il Parma, la voglia di incidere e dire la sua nella gara al suo passato di venerdì sarà tanta, considerando anche che pure all’andata non ebbe modo di partecipare al match, poi finito a reti bianche. Il tutto con buona pace dei tifosi nerazzurri che hanno avuto modo di crescerlo e sostenerlo negli anni di settore giovanile a Bergamo. Il calcio è, ahinoi, anche questo: le logiche del professionismo vengono anche prima delle questioni di cuore. E l’obiettivo di Roberto resta quello di, un giorno, provare a tornare alla casa madre.

IL BILANCIO  L’attaccante nel giro delle nazionali giovanili azzurre può, nel complesso, dirsi soddisfatto del percorso compiuto nel primo anno lontano da casa, per quanto il minutaggio collezionato non sia esageratamente abbondante. Roberto ha infatti giocato per 655′ minuti totali, ma più di 250 erano relativi a sfide di Coppa Italia, che lo hanno anche visto discreto protagonista con un gol e un assist. A questo vanno aggiunte le reti segnate in campionato in due stadi da sogni, Meazza e l’Olimpico, che sono già però di per sè un’ottimo biglietto da visita in vista di un futuro da Serie A, anche se poi sarà necessario rinfocolare le buone impressioni anno dopo anno. Ora l’obiettivo sarà quello di ritagliarsi qualche spazio anche nel caldissimo finale che vedrà gli Aquilotti alla ricerca di una salvezza storica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Che tu sia un dipendente pubblico del settore pubblico o privato, lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, lavori in qualsiasi settore di..."
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Che tu sia un dipendente pubblico del settore pubblico o privato, lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, lavori in qualsiasi settore di..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Gosens aveva difeso il Papu. Aspettavano solo l'offerta giusta per cederlo"

Altro da Approfondimenti