Resta in contatto

News

Dalle corse di Lasagna ai gol di Barak: gli assi del Verona

All’andata gli uomini di Juric avevano dominato la gara segnando due reti e non facendo giocare né andare in gol la Dea

Rammarico alle spalle e si riparte, da domani l’Atalanta dovrà tornare a vincere per qualificarsi alla prossima Champions League. E lo dovrà fare proprio contro il Verona, sua ‘sorellina’ nel gioco e nello schieramento in campo, col solito interessante confronto in panca fra i due tecnici Juric e Gasperini, anche se il tecnico del Verona è squalificato e assisterà alla partita dalla tribuna.

L’EX PESSINA. Le due squadre si schiereranno a specchio con la difesa a tre, con i quinti a duello sulle fasce e il centrocampo affidato a un equilibratore e a un incursore. L’ex Pessina, per esempio, potrebbe tornare ad occupare la trequarti come piaceva a Juric, che proprio l’anno scorso lo impiegò più vicino alla porta avversaria. E poi c’è Muriel che, in coppia con Zapata, potrebbe dare qualche gatta da pelare alla difesa gialloblù.

L’AVVERSARIO. C’è da sottolineare che il Verona arriva da due sconfitte di fila che evidenziano un calo di forma, gli scaligeri paiono da un paio di settimane meno aggressivi del solito e orfani di quel pressing alto che li aveva contraddistinti. Come evidenzia però L’Eco di Bergamo, in questo match la condizione fisica farà la differenza anche perché, dopo due cadute, la banda di Juric sarà ancor più affamata di punti e di ripetere il 2-0 dell’andata. Dalla sua Juric ha l’asso Barak (già 6 gol e 2 assist), abile sia come interno di centrocampo sia in qualità di trequartista convergente da destra, l’asso Zaccagni, specialista dell’angolo di sinistra e il velocista Lasagna, sempre a caccia di gol.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Romero era obbligo se non sbaglio!! Gollo lo rivendi in italia magari non prenderai i 18-19 che dovevano darti gli inglesi ma a 13-15 lo vendi..."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da News