Resta in contatto

Le pagelle di Calcioatalanta

Verona-Atalanta – Malinovskyi decisivo, Gollini torna e fa clean sheet

Questi i nostri giudizi ai giocatori nerazzurri al termine del lunch match: nelle nostre pagelle il migliore è Malinovskyi.

GOLLINI 7

Torna tra i pali dopo l’erroraccio di Sportiello in Champions e cinque gare in panca. Deve uscire dai pali al 12′ pt e si fa trovare pronto sul cross deviato di Zaccagni. Dal suo rilancio la sfera piove sulla zucca di Malinovskyi per l’assist del bis nerazzurro. Para a X con le braccia aperte salvando da un gol fatto di Lazovic. Nessun gol preso, bentornato.

DJIMSITI 6,5

Trova varchi per Duvan, cerca di stare alto. Chiude le linee di passaggio a Faraoni e dialoga con Gollini per retropassaggi sicuri. Bene così.

ROMERO 7,5

Di testa spazza via davanti a Gollini, ma Lasagna gli taglia le gambe e lo costringe al gioco aereo. Sfiora con cattiveria, eludendo Dawidowicz, il gol di zucca al 24′ pt dalla punizione del collega ucraino. Con un’azione da applausi recupera palla a Barak per lanciare in corsa Malinovskyi. C’è il suo zampino sul vantaggio perché la mano di Dimarco, contrastandolo, arriva sul pallone per il rigore che sblocca il match. Sventa la sfera insidiosa di Lazovic, segna ma il gol è annullato ed è vero che poteva risparmiarsi il giallo, ma sono quisquilie, perché fa ammonire pure Sturaro dopo una dirompente cavalcata. Sempre tra i migliori.

PALOMINO 7

Anticipa Barak di mestiere, poi vista l’ora si mette sotto il piatto Lasagna, che non trova spazio grazie al nerazzurro. Non regala un centimetro, ci mette il fisico per contrastare il 92 scaligero fino a fargli perdere l’equilibrio, rischia, ma il giusto. Bene, anzi, benissimo.

DE ROON 6,5

Recupera palla strappandola ai tacchetti gialloblù, gioca nell’ombra ma ci mette il fisico per contrastare la banda di Juric. Nella ripresa marca stretto Sturaro togliendogli tutti gli spazi.

PESSINA 7

Corre subito alle spalle di Zapata, Tameze gli si incolla addosso, quando si abbassa confonde i gialloblù, e all’occasione va sull’esterno per far perdere le energie all’ex nerazzurro. Bellissima la sfera servita a Zapata in profondità al 38 pt, un vero e proprio cross-assist in movimento. Fa da raccordo tra centrocampo e tridente, ed è quello che gli riesce meglio.

FREULER 6,5

Recupera diversi palloni facendo ripartire Pessina, Zaccagni per fermarlo in mediana deve commettere fallo. Fa il lavoro sporco tra le linee e respinge anche in difesa sugli angoli nemici.

TOLOI 7

Verticalizza, corre alto, Barak gli dà un brutto colpo con i tacchetti ma con bernoccolo e fazzoletto al naso resiste in campo e continua ad aggredire Dimarco con prontezza e a marcare Barak fino alla linea di fondo. Raddoppia Lazovic e aiuta anche Palomino su Lasagna. Dà tutto finché ne ha, anche dopo le scintille con Zaccagni e una guaio al flessore. Chapeau, un vero capitano.

MALINOVSKYI 8

Ci prova subito su punizione a girare la sfera in area piccola, è preciso a battere i corner. Trova la testa di Romero su calcio piazzato battuto splendidamente. Guadagna una punizione preziosa alla mezzora, al limite dell’area, ma è alta oltre che potente. Incaricato di battere con freddezza dagli 11 metri, il suo mancino dal dischetto risponde al meglio e regala un vantaggio meritato spiazzando Silvestri, che tiene d’occhio fino all’ultimo, calciando benissimo. Sempre decisivo, è lui a servire sul piatto d’argento di testa la sfera per il raddoppio di Zapata. Eccezionale.

MIRANCHUK 6,5

Di mancino, tende a spingersi in avanti per fare la seconda punta, viaggia centrale e sul secondo palo tenta il gol da corner. Trova l’angolo sulla destra, da cui poi si origina il mano di Dimarco per il rigore che spezza l’incantesimo. Mantiene la pressione e la superiorità in area, ottiene un calcio di punizione annullando Zaccagni. Bene, finché Ilicic non è pronto dal 1′ è una validissima alternativa.

ZAPATA 7

Corpo a corpo con Lovato fin dal 1′, guadagna una bella punizione. I lanci sono lunghi, ma è perfetto sul raddoppio di marcatura che beffa Lovato e Veloso, e ottiene corner importanti. Sul più bello però o scivola o, superato Lovato, trova Tameze a strappargli la sfera. Quando il numero 6 di casa gli prende le misure fatica a liberarsi, di forza mira la porta ma trova il piede di Silvestri. Fa grandi cose fino agli ultimi metri, ma poi è sfortunato e becca il palo. Al 42′ pt, con la rabbia giusta, fa partire la falcata giusta, supera Lovato dandogli mezzo metro e la infila lì dove non può arrivare Silvestri per centrare la doppia cifra in campionato dopo un mese di digiuno in Serie A.

MAEHLE 6

(Dal 19′ st). Entra subito in partita, rilancia per le ripartenze dei colleghi ma Lazovic gli scappa via.

PASALIC 6

(Dal 19′ st). Si intende subito con Zapata per accentrarsi e raccogliere i suoi cross, si fa trovare pronto a ricevere gli squilli di Ilicic ma non trasforma.

ILICIC 6,5

(Dal 32′ st). Sfera subito sul primo palo, punta Lazovic e regala cross d’oro a Muriel inseguendo il tris. Tornano le sue magie di tacco, cerca di regalare la gioia del gol anche a Pasalic. Porta palla per metri sfruttando le ripartenze, sul tiro a giro graffia la traversa. Gasp lo sta recuperando e si vede.

MURIEL 6,5

(Dal 32′ st). Appena entrato si butta  in area, si gira e calcia ma a pochi cm dal palo. Sterza in controtempo sugli avversari, finte da campione e gol sfiorato.

KOVALENKO 6

(Dal 32′ st). Esordio assoluto con la maglia dell’Atalanta!

 

GASPERINI  7,5

Con la difesa a 4 spiazza anche Juric, ma dura meno di 10′, la Dea prende il timone del gioco e la gara si mette subito sul piano fisico: tanti i falli subiti dai suoi, la marcatura a uomo impedisce di concretizzare. Gol sfiorati da calci da fermo e infatti il vantaggio arriva su rigore. Con la perla di Zapata arriva il bis e la squadra si abbassa un po’ sulle linee. Al triplo cambio dell’allievo rispedisce Maehle a riscaldarsi e azzecca poi i cambi al momento giusto. Anche senza esterni trova la quadra, Juric impara.

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Grazie ragazzi grazie Mister

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯⚫🔵🖤💙🖤💙🖤💙🖤💙🖤💙🖤

fulvio
fulvio
1 mese fa

ora gollini è buono vero?capite molto di calcio, non avete fatto altro che parlare di sportiello in questi giorni da buoni giornalai.Godo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Cavoli, avete guardato la partita sto giro? 😁

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Per una volta, sono d’accordo con i vostri voti!

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "DI MARINO MAGRIN RICORDERO SEMPRE IL GOOL AL 89 VESIMO MINUTO SU PUNIZIONE FOGLIA MORTA AL MILAN A BERGAMO 1 .0.E TUTTI A CASA"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Perché GASPERINI secondo te è un pagliaccio? Tu che lo insulti penso che non sei da meno perciò prima di offendere pensaci 50 volte"
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il più forte tecnico e che era matto come un cav Allo un mito"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande giocatore di altri tempi forse svuotato dal campo"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "cuore nerazzurro"
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calcioatalanta