Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Calcio Atalanta

Fiorentina-Atalanta – Zapata scatenato, Pasalic troppo evanescente

L’Atalanta risponde alle altre big del campionato imponendosi per 3-2 in trasferta sul campo della Fiorentina e conquistando tre punti pesantissimi in chiave Champions League. Questi i nostri giudizi a termine della sfida

GOLLINI 6

Spettatore non pagante per un’ora, deve arrendersi alle due conclusioni di Vlahovic su cui non può fare nulla. Il resto è ordinaria amministrazione. 

TOLOI 6.5

Ormai sta prendendo confidenza col ruolo di terzino. Difende con attenzione su Biraghi (scarsamente pericoloso) e trova anche il tempo per le sue amate sortite offensive, in una di queste sfiora il gol del 3-1 ma trova la grande parata di Dragowski.

ROMERO 6.5

Annulla il pericolo numero uno della Fiorentina, Dusan Vlahovic. Peccato per quel cartellino giallo (eccessivo) rimediato a metà del primo tempo che condiziona il secondo tempo della Dea e che gli farà saltare la gara con la Juventus di domenica prossima. 

PALOMINO 6

Gioca un primo tempo da fenomeno annullando la velocità di Kouamé con la fisicità e l’esperienza. Dopo l’uscita di Romero, però, qualcosa si inceppa, le marcature si fanno meno strette e la difesa va in sofferenza.

GOSENS 6.5

La nuova posizione da terzino sinistro lo costringe a giocare qualche metro già indietro, ma se l’avversario lo consente (come stasera) non perde occasione per aggredire la porta avversaria con le sue proverbiali incursioni.

DE ROON 6

Negli spunti di cronaca compare poche volte, ma non perché sia passivo, anzi. Si piazza davanti alla difesa per aggredire in pressing tutti gli avversari.

FREULER 6.5

Anche per lui prestazione silenziosa ma di sostanza. Quando la Fiorentina prova ad alzare i ritmi lui avanza il raggio d’azione per cercare di smorzare sul nascere le azioni avversarie. 

MALINOVSKYI 7

Si gioca in una città ricca di arte e lui cosa fa? Lucida il sinistro per pennellare giocate pazzesca per i compagni, soprattutto per Zapata che davanti a tanta meraviglia non può lasciarsi sfuggire l’occasione di trasformare gli assist in gol.

PASALIC 5

La prova complessiva non è da buttare, ma il croato spreca almeno tre nitide occasioni e questo porta inevitabilmente a dargli un voto negativo. Clamoroso il rigore in movimento sprecato a -10 dal termine e che avrebbe scritto la parola fine sulla contesa.

MURIEL 7

Gioca in una pozione non sua, decisamente più dispendiosa del solito, ma lui si applica con grande dedizione: corre, difende da ultimo uomo (sui corner) e quando ne ha l’occasione prova anche a inventare grande calcio.

ZAPATA 7.5

Di testa dopo uno stacco di grande potenza, di piede partendo sul filo del fuorigioco: mettetegli una buona palla in area e lui la trasformerà in gol. Chiedere ai difensori viola per conferma. Senza un super Dragowski il suo bottino sarebbe stato anche più ampio.

DJIMSITI 6

Entra col piglio giusto, ma commette una leggerezza andando con poca convinzione su Kouamé in occasione dell’azione che vale il momentaneo pareggio della Fiorentina. Domenica prossima contro la Juventus servirà più cattiveria.

MAEHLE 5.5

Gettato in campo in un momento tutt’altro che semplice, va detto, ma lui non riesce a incidere.

ILICIC 6.5

Si procura il rigore e si prende la responsabilità di batterlo scegliendo, stranamente, la sciabola piuttosto che il fioretto e non sbaglia. Sul successo di oggi c’è anche la sua firma.

MIRANCHUK SV

 

GASPERINI 6.5

L’Atalanta domina per un’ora, ma non ammazza un avversario ferito e per poco non rischia di lasciare al Franchi due punti pesantissimi. Tutto ciò non lo farà felice, ma in questa domenica sera ci sono anche tanti spunti positivi.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Le pagelle di Calcio Atalanta