Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini: “Partita importante, ma non è uno spareggio”

Gasperini

Gasperini parla in conferenza stampa, con un passaggio anche sul caso dell’antipoding: “Nessuna interruzione, io e l’Atalanta non abbiamo fatto nulla”

Parla Gian Piero Gasperini, in conferenza stampa, alla vigilia di Atalanta-Juventus.

LA PARTITA – “Non è uno spareggio, lo sarà quello in Coppa Italia, lì dovrà esserci un vincitore per forza, in campionato è una gara importante ma poi ne mancano sette, i punti ora pesando sempre di più ma non è una partita definitiva”.

LE DIRETTE CONCORRENTI – “Credo che tutte siano impegnate nel proprio percorso, negli scontri diretti una va bene e l’altra va male quindi non cambia molto nelle inseguitrici”.

L’ASSENZA DI CR7 – “E’ un problema della Juve, per noi potrà esserci qualche accorgimento diverso, ma vedremo anche chi gioca, ci sono alcuni elementi nella uve particolarmente temibili”.

PESSINA – “Sta bene, si è allenato con la squadra, se gioca però te lo dico domani”.

PIÙ ATALANTA CHE JUVE – “E’ indubbio che per loro non stare in Champions sarebbe un bruttissimo risultato ma sono due squadre con ammonizioni e caratteristiche diverse, noi pensiamo alla nostra possibilità e opportunità, per noi sarebbe un traguardo fantastico, per loro magari un traguardo minimo che vogliono a tutti i costi raggiungere”.

A TRE O A QUATTRO – “Noi ci siamo tutti, in questo momento possiamo fare entrambe le cose, è una forza e una qualità poterci esprimere con assetti diversi, la valutazione va fatta secondo la partita e l’avversario”.

CASO ANTIDOPING – “L’unica cosa che posso dire è che io e l’Atalanta non abbiamo fatto niente, non c’è stata nessuna interruzione”.

RICORDI DA GIOCATORE – “Gol di Schincaglia, campionato allievi 1975, io in campo con la Juve. Ho fatto tutto IL settore da ragazzino e da allenatore, è una bella fetta, tanti aneddoti”.

PRE FINALE – “Potrebbe essere un modo di misurarsi in prospettiva, deve uscire comunque un vincitore, per tutte e due le squadre”.

LO SPOGLIATOIO – “C’è un bel clima, si avverte nella squadra, c’è anche un po’ di tensione giusta e positiva nell’affrontare la partita di domani, sappiamo che è un mese dove raccogli i risultati dopo aver fatto tanto, raccogli cosa sarà il futuro e la prossima stagione, ogni partita arrivi con la voglia e questo si avverte”.

ALLENARE LA JUVE – “Credo che le mie possibilità siano passate se ci sono state, l’unico mio pensiero di superarla perché in 5 anni siamo arrivati sempre davanti a tutte le squadre ma non siamo mai riusciti ad arrivare davanti alla Juve, quest’anno sarà difficile perché la considero fortissima orse anche più forte dell’Inter, riuscire a passarla davanti sarebbe una delle cose che ci manca”.

TRA CHAMPIONS E COPPA – “Io ho sempre detto la qualificazione in Champions e lo ripeto in termini di crescita di blasone, economici, di pressing. La Coppa Italia è comunque un trofeo che si metterebbe in bacheca anche se viene ricordato di più la qualificazione in Champions”.

PSG-BAYERN – “Penso che ho visto una partita fantastica per le qualità dei singoli e della squadra. Champions livello migliore, partita senza pubblico peccato, peccato contro Psg da una parte ti dà orgoglio dall’altra rammarico di non essere stato capace a competere”.

ORSATO –Uno dei migliori arbitri in assoluto, qualche erroraccio l’hanno fatto anche i migliori, Inter-Juventus di qualche anno fa, anche i grandi calciatori, ma lui è una garanzia, cioè garanzia lo dico domani dopo la partita”.

DYBALA O CR7 – “Sono due grandissimi giocatori, Dybala l’ho avuto anche a Palermo, si vedeva che era un predestinato, Ronaldo centtra sempre la porta, fa una valangata di gol, calcisticamente è un fenomeno, però Dybala avrei preferito stesse fuori ancora una settimana o due”.

LA UVE SI GIOCA IL FUTURO CON L’ATALAMNTA –Dipende dalla loro stagione, per me ol campionato sono parecchie ancora otto giornate ma passa anche attraverso questi due scontri in effetti”.

PIRLO – “All’andata è stata una partita equilibrata con momeni pericolosi da parte della uve, il rigore parato da Gollini, altre due parate su Morata, globalmente è stata equlibrata e il risultato giusto, quella sera era una squadra che stava bene, da quella sera l’Atalanta ha migliorato di molto le sue prestazioni”.

GOLLINI – “Speriamo che possa arrivare all’Europeo, ci sono otto giornate importante per tutti i giocatori nel giro delle Nazionali, sono tanti e per alcuni può essere determinante, per un giocatore è importantissima”.

CHAMPIONS 2024“Dovete chiederlo cosa ne pensa a Luca Percassi, penso che in generale devi dare sempre l’opportunità a una squadra piccola di competere in una grande competizione, altrimenti togli la base popolare allo sport che è stato fino ad adesso”.

LE STATISTICHE – “Preferisco giocare peggio di loro e vincerla, rispetto al primo anno che sono arrivato le partite sono state più equilibrate, ne abbiamo pareggiate tante e al di là del risultato ci siamo avvicinati nelle prestazioni, quando giochi contro i più forti devi mettere in preventivo di perdere, ma se rieci a tirare fuori qualcosa ti aiuta nelle competizioni. Devi avere il coraggio per vincere contro queste squadre, se riesci a farle soffrire ti avvicini molto e le dai fastidio”.

RIAPERTURA DEGLI STADI – “Magari, speriamo, lo auspichiamo tutti quanti”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News