Resta in contatto

Le pagelle di Calcioatalanta

Sassuolo-Atalanta -Malinovskyi ancora super, Muriel butta via 2 punti

Questi i nostri giudizi ai giocatori nerazzurri al termine della gara contro il Sassuolo: nelle nostre pagelle i migliori sono Gosens e Malinovskyi

L’Atalanta non riesce a rispettare la tradizione ed espugnare il Mapei Stadium, non è più seconda da sola (c’è il Milan) e regala lo Scudetto all’Inter. In gol Gosens su assist di Malinovskyi, che continua la sua striscia positiva, ma Gollini esce andando in rosso, Toloi offre a Berardi il tiro dal dischetto e Muriel dalla panca spreca il rigore.

GOLLINI 4,5

Rilancia alto per spingere i compagni, anche con la voce, verticalizza ogni sfera che passa di lì. Al 22′ pt però esce dalla sua area per fermare Boga in corsa verso la rete e viene espulso, lasciando la Dea in 10 a troppi minuti dalla fine. Ahia, perché salterà anche il Parma. E perché, in ritardo insieme ad Hateboer, si fatica davvero a comprendere il senso di questa uscita.

TOLOI 5

Ottimi i cross per Zapata in area piccola, nella retroguardia si incolla a Traore senza far falli. Salva in angolo gli affondi di Traore. La spinta a Traore in area piccola è lieve ma ingenua e costa un rigore e un pareggio che non ci volevano proprio, Pairetto non ha ripensamenti. Tutto da rifare per la Dea. Ferrari lo blocca e guadagna punizione, ma perde la sua brillantezza. Al 34′ st lascia il campo.

ROMERO 7

Annulla Berardi incassando anche qualche colpo, ma è un combattente e smette presto di zoppicare per murare Defrel. Ineccepibile sulla marcatura finché non entra Raspadori, che fa il tunnel sotto le sue gambe ma è in fuorigioco. Quando Toloi perde colpi è lui a tagliare fuori Traore dalla porta. Sempre lucido, è il vero ministro della difesa nerazzurra.

DJIMSITI 7

Limita Berardi anticipando di mestiere le sfere dirette al Mimmo neroverde con la zucca. Il suo salvataggio a pochi cm dalla porta sul tiro di Obiang vale un gol, attento e salvifico. Parte da lui l’azione del gol di Gosens, grande l’intelligenza tattica dell’albanese, che si ripete anche nell’assist a Zapata, poi annullato. In barriera mura Berardi, ma viene ammonito per il fallo su Boga.

hateboer

HATEBOER 5,5

Di nuovo titolare, questa volta con l’amico e collega Gosens sulla corsia opposta, morde il freno a Kyriakopoulos, ma è il neroverde a rubargli la palla sul più bello in area. Ostacola Boga, peccato che non arrivi a due passi dal portiere sulle sfere che gli lanciano i compagni. Intimidito, si lascia scappare Boga facendo venire la brutta idea a Gollini di abbandonare l’area. Con il suo codino serve Djimsiti sulla linea, ma il gol di Zapata è annullato perché l’olandese è in fuorigioco. Non ancora al meglio. Gioca un bel pallone, ma Consigli gli nega il gol davanti alla porta.

DE ROON 6

Sempre di corsa, per non rischiare sceglie il retropassaggo, ma Berardi e Traore spesso gli scappano via sulla mediana. Meno redditizio del solito, anche se col suo destro da metà campo impegna Consigli.

FREULER 7

Lo svizzero, unico diffidato della Dea, fa il solito lavoro sporco a metà campo, chiude gli spazi a Traore e arriva prima di Berardi. La sbavatura al 40′, quando perde la palla in favore di Berardi, è un grosso rischio, grande però il lavoro di copertura in retroguardia, è un difensore aggiunto. L’unico a non arrendersi, fino alla fine, insieme all’ucraino.

GOSENS 8

Scontata la squalifica contro il Bologna, vuole tornare a correre sulla fascia incontro al secondo posto con la determinazione e la grinta che lo contraddistinguono. Sbarra Locatelli, poi fa partire l’azione del gol, scambia con Malinovskyi, raccoglie la sfera dell’ucraino e di sinistro in diagonale ha il coraggio di mirare la rete scavalcando Marlon e Müldür. Un vantaggio preziosissimo in 10 contro 11, il goleador aggiunto della Dea- in doppia cifra in A- è tornato. Grandissima la sua chiusura su Drefrel, mantiene inviolata la porta da vero tuttofare. Fa pure ammonire Locatelli nello scontro con Gosens. Strepitoso.

PESSINA 6

Prestazione straordinaria all’andata, non può ripetersi al ritorno: le sue intuizioni sono buone, sbaglia solo un passaggio che finisce oltre la linea, ma poi esce al 25′ pt per consentire alla Dea di avere di nuovo l’estremo difensore tra i pali dopo l’espulsione di Gollini. Peccato.

MALINOVSKYI 8

Sei assist e quattro gol in sei partite, la maglia da titolare se l’è conquistata dall’arrivo della primavera. Marlon lo pressa, ma lui sguscia via. Alla prima punizione, tira forte a giro il suo mancino verso la rete, ma purtroppo Consigli l’ha studiato bene nei filmati della settimana. Il più ricercato dai compagni, nemmeno Obiang ha la meglio. Serve una palla interessante per l’inserimento di Gosens, poi si ripete al 32′ pt con un colpo preciso che vale il suo settimo assist in sette gare consecutive. Non si ferma più, straordinario, fa ammonire tutti i centrali. Fa ripartire l’azione servendo Hateboer sulla porta con una giocata eccezionale, trova varchi ovunque, non dà riferimenti ma non si presenta lui sul dischetto. Trova il corner all’ultimo minuto regalando un’altra ghiotta occasione alla Dea, fossero tutti come lui…

ZAPATA 7

Parte forte, Chiriches lo abbatte e guadagna una buona punizione. Volano le treccine quando si fa spazio prepotentemente in profondità, ma non riesce a fregare la palla a Marlon. Lamenta una trattenuta di Chiriches, e c’è tutta, ma l’arbitro non interviene. Abile e prezioso anche nell’area di rigore opposta, viene incontro ai compagni, generoso nel servirli, lotta non facendo sentire l’inferiorità perché fa reparto da solo, portando il giallo anche a Chiriches. Farebbe pure gol, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Lancia lungo e, stremato, lascia il posto a Muriel anche se contrariato. E col senno di poi…

SPORTIELLO 6

(Dal 25′ st). Entra a sorpresa e all’improvviso per il rosso diretto a Gollini, ma si fa trovare pronto: toglie dall’angolino la sfera di Locatelli, reattivo, poi smorza tra i guantoni il tiro in porta di Boga. È un para rigori, ma con Berardi non fa il miracolo. Buona l’uscita su Raspadori nel finale, con i tempi giusti.

MURIEL 4,5

(Dal 15′ st). Subentra per riportare la Dea in vantaggio ma entra molle e non è intraprendente come al solito, spreca una punizione e non va in pressione come dovrebbe su Consigli. Forte fisicamente, si fa largo in area, Marlon tenta di tenerlo lontano dal pallone mentre corre verso la porta e Lucho guadagna il rigore che potrebbe svoltare la gara, costringendo il Sassuolo in 10 uomini. Ma continua a non essere la sua giornata, non fa calciare Malinovskyi e tira lui, male e centrale dagli 11 metri, poi scivola sulla ribattuta di Consigli. Errore che pesa tanto, troppo. Non si riprende più e sbaglia altri agganci decisivi.

PALOMINO 6

(Dal 34′ st). Il suo ingresso in campo fa rifiatare Toloi, luci e ombre.

Slot non utilizzato.

Slot non utilizzato.

 

GASPERINI  6

Torna dal 1′ il tandem titolare d’esterni (insieme mancavano dal 23 gennaio) con la classica difesa a 3. Il mister dà fiducia a Zapata nell’11 titolare e fa bene. La sua Dea pressa e nemmeno l’inferiorità numerica smorza il suo gioco, ben espresso dai nerazzurri che non fanno pesare l’assenza di Pessina e anzi vanno in vantaggio. In completo disaccordo sulla severa decisione di Pairetto che indica il dischetto, lancia Muriel che però non è proprio in serata. Tre slot per tre cambi, col senno di poi…

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ANGELO
ANGELO
12 giorni fa

A parte Gollini e Muriel tutti davvero bravi!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
12 giorni fa

Gollini aveva già sbagliato i tempi precedentemente su due lanci lunghi, il terzo è stato fatale……. Zapata non era da togliere, hateboar per me ha fatto una partita più che sufficiente ma era da cambiare con maehle perché non ne aveva più. Parere personale naturalmente 🖤💙

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Nell era del Var non dare il rigore su zapata nel primo tempo è impossibile.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Rammarico mio detto in diretta… In uno in meno non avrei tolto Zapata. Nessuno in rosa ha la sua devastante potenza. C’è ne volevano tre per tenerlo..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Oggi il 6 al Gasp è un regalone, perché sinceramente le ha sbagliate tutte.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

L’episodio decisivo è l’ennesima espulsione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

5.5 ad Hans?? Ma che partite avete visto? Ha lottato come un leone fino alla fine salvando un pericoloso contropiede a poco dalla fine. Solo una strepitoso consigli gli ha negato la rete. E’ solo alla sua seconda partita dopo 3 mesi di stop. Ma smettete di fare pagelle assurde!!!!!!!

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "DI MARINO MAGRIN RICORDERO SEMPRE IL GOOL AL 89 VESIMO MINUTO SU PUNIZIONE FOGLIA MORTA AL MILAN A BERGAMO 1 .0.E TUTTI A CASA"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Perché GASPERINI secondo te è un pagliaccio? Tu che lo insulti penso che non sei da meno perciò prima di offendere pensaci 50 volte"
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il più forte tecnico e che era matto come un cav Allo un mito"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande giocatore di altri tempi forse svuotato dal campo"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "cuore nerazzurro"
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calcioatalanta