Resta in contatto

News

Dramma Eriksen, l’ex Atalanta Kjaer è per tutti un eroe

kjaer

Ha evitato che l’amico si mordesse la lingua, ha iniziato a praticare il massaggio cardiaco e ha stretto in un abbraccio consolatorio la moglie del numero 10

Nei momenti più drammatici del malore che ha colpito Christian Eriksen è apparso chiaro a tutti il ruolo determinante che ha avuto il compagno, e grande amico, Simon Kjaer. L’ex Atalanta oggi viene dipinto da tutti i giornali come un eroe, un vero capitano che ha saputo prendere il coraggio a quattro mani e affrontare la situazione con il giusto mix di lucidità ed empatia. 

MAEHLE E KJAER. Cosa può fare di più un amico non se non salvarti la vita?, si chiede La Gazzetta dello Sport. Perché, scrive, “Eriksen e Kjaer sono amici, prima che compagni. Da ieri però sono pure fratelli. Quando Chris è andato giù, il primo soccorso è arrivato da Joakim Maehle, il giocatore dell’Atalanta, quello che in quel momento era il più vicino al centrocampista dell’Inter. È stato il primo a tentare la manovra per liberare le vie aeree di Eriksen, spostando la sua lingua verso l’alto. Evidentemente, senza successo. Kjaer allora si è chinato. E ci è riuscito. Erano i primi attimi, quelli decisivi. Quando, per intendersi, i sanitari ancora non erano entrati in campo”.

CON I COMPAGNI. Kjaer è l’angelo custode di Eriksen, dà il via al massaggio cardiaco è in corso, guarda i compagni terrorizzati e gli ordina di mettersi in cerchio per schermare i soccorsi a Christian. Nessuna isteria, il difensore del Milan – che sarà l’ultimo a dare l’ok al ritorno in campo dopo lo scampato pericolo ma durerà meno di 20 minuti – riesce nell’impresa e i danesi formano un cerchio intorno a Eriksen.

CON LA MOGLIE. Poi, quando c’è bisogno di lui da un’altra parte del campo, dove una moglie disperata e confusa viene allontanata dal marito ancora disteso a terra, Kjaer lascia quel capannello che aveva formato lui stesso per avvicinarsi e rassicurarla come può, stringendola in un forte abbraccio, custodendo la testa tra le sue mani: le sussurra qualcosa per tranquillizzarla, da vero amico.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma i medici intervenuti ? Con uno stipendio da ridere? Nessuno parla di loro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

È stato il numero 5 il primo a portare i soccorsi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un grande uomo!!!

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Ho avuto il piacere di averlo avuto prima come compagno poi come mister a fine carriera nell'OLBIA serie C. Che dire li capì fino in fondo il..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Io ragazzino delle giovanili ..lui già capitano della prima squadra...ma due matti da legare...bei tempi!!!"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Incontrato casualmente il giorno di Atalanta Shakhtar Donestsk (era il 1 ottobre 2019) stavo nei paraggi di casa mia e stavo per dirigermi verso..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Era tifoso Viola"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "Io ho la sua maglia. È stato un esempio per tutti, ama la nostra ATALANTA e per questo merita tutto il nostro affetto. Grande Gianpaolo....."

Altro da News