Resta in contatto

News

Dramma Eriksen, l’ex Atalanta Kjaer è per tutti un eroe

kjaer

Ha evitato che l’amico si mordesse la lingua, ha iniziato a praticare il massaggio cardiaco e ha stretto in un abbraccio consolatorio la moglie del numero 10

Nei momenti più drammatici del malore che ha colpito Christian Eriksen è apparso chiaro a tutti il ruolo determinante che ha avuto il compagno, e grande amico, Simon Kjaer. L’ex Atalanta oggi viene dipinto da tutti i giornali come un eroe, un vero capitano che ha saputo prendere il coraggio a quattro mani e affrontare la situazione con il giusto mix di lucidità ed empatia. 

MAEHLE E KJAER. Cosa può fare di più un amico non se non salvarti la vita?, si chiede La Gazzetta dello Sport. Perché, scrive, “Eriksen e Kjaer sono amici, prima che compagni. Da ieri però sono pure fratelli. Quando Chris è andato giù, il primo soccorso è arrivato da Joakim Maehle, il giocatore dell’Atalanta, quello che in quel momento era il più vicino al centrocampista dell’Inter. È stato il primo a tentare la manovra per liberare le vie aeree di Eriksen, spostando la sua lingua verso l’alto. Evidentemente, senza successo. Kjaer allora si è chinato. E ci è riuscito. Erano i primi attimi, quelli decisivi. Quando, per intendersi, i sanitari ancora non erano entrati in campo”.

CON I COMPAGNI. Kjaer è l’angelo custode di Eriksen, dà il via al massaggio cardiaco è in corso, guarda i compagni terrorizzati e gli ordina di mettersi in cerchio per schermare i soccorsi a Christian. Nessuna isteria, il difensore del Milan – che sarà l’ultimo a dare l’ok al ritorno in campo dopo lo scampato pericolo ma durerà meno di 20 minuti – riesce nell’impresa e i danesi formano un cerchio intorno a Eriksen.

CON LA MOGLIE. Poi, quando c’è bisogno di lui da un’altra parte del campo, dove una moglie disperata e confusa viene allontanata dal marito ancora disteso a terra, Kjaer lascia quel capannello che aveva formato lui stesso per avvicinarsi e rassicurarla come può, stringendola in un forte abbraccio, custodendo la testa tra le sue mani: le sussurra qualcosa per tranquillizzarla, da vero amico.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Non penso proprio: Papu era tutt'altro giocatore e più determinante."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News