Resta in contatto

News

Candeline nerazzurre per Filippi, detto ‘Furia’

L’ex centrocampista nerazzurro festeggia oggi il compleanno, ha iniziato gli anni ottanta vestendo la casacca orobica

Roberto Filippi è nato a Padova il 10 luglio 1948. Iniziò a giocare a calcio fra i professionisti nel 1968 nel Sottomarina in Serie C, segnando 7 reti in un’annata. Passato alla squadra della sua città natale, il Padova, vi rimase per tre stagioni sempre in Serie C giocando sempre da titolare e guadagnandosi la chiamata in massima serie al Bologna. Dopo l’esperienza con la Reggina ed il ritorno a Padova, la vera svolta della carriera: nel biennio 76/78 è uno dei protagonisti della scalata del Real Vicenza verso la Serie A, insieme all’indimenticato ‘Pablito’ Rossi. Successivamente passa al Napoli, mentre il campionato a Bergamo è datato 80/81 in Serie B, con 28 presenze e una rete. Indosserà la maglia del Cesena prima di chiudere la carriera a Vicenza ed intraprendere quella di allenatore.

A lui vanno gli auguri di Calcioatalanta.it! 

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da News