Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Eriksen, c’è speranza di rivederlo in campo? Parola a due esperti

Il danese si è pian pian ristabilito ma ancora non è chiaro se potrà di nuovo indossare i tacchetti e, se sì, in quale campionato

Al centrocampista dell’Inter Christian Eriksen è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo,  un apparecchio pronto a intervenire in caso di problemi cardiaci ma che, in Italia, al momento non consente lo svolgimento di attività fisiche. 

Il danese però, dopo aver superato i dovuti esami di rito, potrebbe tornare a giocare in un altro campionato europeo oppure, se si riuscirà a diagnosticare una causa reversibile, addirittura in Serie A, come sottolinea lo specialista Riccardo Cappato, direttore del centro di elettrofisiologia clinica e aritmologia del gruppo Multimedica di Milano, intervistato dal Corriere dello Sport: “Nel caso di Eriksen le ipotesi sono svariate. Mancano elementi della sua storia clinica e di quanto appurato dagli specialisti dell’ospedale danese. Non abbiamo nemmeno informazioni sulla defibrillazione in campo. Di certo la crisi cardiogena è stata grave”.

“Un blocco del cuore da fibrillazione conseguente ad aritmia grave, imprevista e improvvisa. Cause possibili? Molte. Una potrebbe essere preesistente mai individuata e stabile, tipo la cardiomiopatia congenita o la sindrome di Brugada, oppure una miocardite infiammatoria da causa grave, o un disturbo elettrolitico. La causa infiammatoria, se si riesce a diagnosticare, è per esempio una causa reversibile, che potrebbe consentire a Eriksen di arrivare a togliere il defibrillatore e quindi tornare a giocare a calcio in Italia”.

Franco Cecchi, specialista in Malattie cardiovascolari e Cardiomiopatie, fondatore e presidente dell’associazione di pazienti con cardiomiopatia, ricorda i risultati negli screening: “Possibile una miocardite infiammatoria, per esempio da mononucleosi o da citomegalovirus o da un virus che lo ha infettato in modo asintomatico anche mesi prima. O a causa di una vecchia presenza virale che si è riaccesa. Avere queste informazioni ci permetterebbe di sapere se ha avuto una passata infezione, se è rimasta latente un’infiammazione che può portare a una miocardite e a un’improvvisa crisi del ritmo”.

“Allora si cura la causa dell’infiammazione e quando si è sicuri che è “spenta” si potrebbe anche togliere il defibrillatore, se questo ostacola il via libera al ritorno in campo“, spiega al Corriere dello Sport, “(…) Quando è arrivato all’Inter è stato sottoposto a tutti gli screening cardiovascolari. E in Italia siamo severissimi in questo campo. Era tutto a posto, così come negli screening inglesi fino al 2019. Ora si possono fare solo supposizioni perché non conosciamo i risultati degli esami fatti in ospedale a Copenaghen. Purtroppo, non c’è coordinamento tra federazioni e tra società calcistiche. Si potesse avere la storia clinica di Eriksen, e non solo quella cardiaca, si potrebbe realmente fare una previsione precisa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News