Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Scopriamo il West Ham, prossima avversaria dell’Atalanta

Nella passata stagione è stato  a lungo in corsa per un piazzamento-Champions

Il West Ham di David Moyes sarà il prossimo avversario dell’Atalanta, in occasione del match amichevole di sabato pomeriggio in programma a Londra. Un test probante e assai impegnativo, che avvicina così il clima campionato attorno alla squadra. Ora sono rientrati anche gli ultimi nazionali, e il 21 agosto sarà già tempo di impegni ufficiali. Proviamo a conoscere meglio gli Hammers, prossimi “antagonisti” sulla strada della Dea.

UNA GROSSA SOPRESA Il West Ham ha, nell’ambito della scorsa stagione, lottato fino alla fine per un piazzamento in Champions League, chiudendo a due soli punti dal Chelsea futuro Campione d’Europa. Un piazzamento quasi insperato, soprattutto considerando lo scetticismo che aleggiava nell’ambiente, dovuto alla fallimentare stagione precedente.

La musica, però, è cambiata, grazie alla sagace guida all’insegna dell’utilitarismo da parte di David Moyes: via chi aveva fallito nella stagione precedente con Pellegrini (da Wilshere a Haller, passando per Felipe Anderson) e fiducia totale a Rice e Antonio, quest’ultimo spostato a centravanti nonostante gli inizi di carriera lo avessero visto come un esterno. Una svolta è poi arrivata grazie ai cechi Coufal, esterno di difesa, e Soucek, centrocampista box to box che completa alla grande il reparto nel tandem con Declan Rice, nazionale inglese e titolare agli ultimi Europei. Classe ’99, un giocatore destinato a far parlare di sè per grandissimo tempo e definito vendibile solo per “tutti i soldi della Banca d’Inghilterra” nei mesi scorsi dallo stesso Moyes. Quest’ultimo ha grandi meriti nella crescita della squadra, che forse non svilupperà un gran gioco ma riesce a sfruttare al meglio le caratteristiche dei propri uomini, anche grazie ad una fisicità generale molto importante, che si può ritrovare anche nei tanti gol segnati su palla inattiva nel corso del 2021/22. La fase difensiva, capitanata dall’italiano Ogbonna, e l’attitudine al gioco di ripartenza sono, a detta di tutti coloro che conoscono il calcio inglese, le principali peculiarità attorno a cui si sono costruiti gli ottimi risultati della passata stagione.

Al di là delle mere dinamiche di campo, un po’ di preoccupazione, forse, i tifosi del West Ham la hanno riguardo alla situazione finanziaria del club, che a differenza dei propri parigrado di Premier League sembra faticare a investire. Finora sono arrivati solo il portiere, peraltro ottimo, Areola dal PSG in prestito e l’esperto difensore Dawson dal Watford. Vedremo se il proprietario del club Sullivan, discusso imprenditore con un passato nel mondo del porno, riuscirà da qui a fine agosto a garantire qualche altro rinforzo al proprio allenatore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti