Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Scopriamo l’Alessandria neopromossa in B, avversaria di domani

L’Alessandria, che ha già passato il turno in Coppa Italia a Padova, è squadra da seguire in vista del prossimo campionato di Serie B

L’avversaria che l’Atalanta affronterà domani pomeriggio al Gewiss Stadium, di nuovo in uso dopo 80 giorni esatti, arriverà a Bergamo sicuramente sulle ali dell’entusiasmo. L’Alessandria di Moreno Longo, infatti, ha affrontato il precampionato con l’emozione di chi rivivrà la cadetteria dopo ben 46 anni, a seguito della tortuosa avventura playoff conclusa lo scorso 17 giugno. Vittima fu il Padova, sconfitto ai rigori dopo un0 0-0 durato per 210 minuti tra andata e ritorno nell’ambito della doppia sfida. A tutto questo va aggiunta la vittoria di domenica sera in Coppa Italia: uno 0-2, sempre ai danni del Padova, che ha dato discrete indicazioni in vista del campionato, anche se il risultato è stato facilitato dalle due espulsioni (una per tempo) comminate ai calciatori biancoscudati.

UN MERCATO IMPORTANTE  Nell’undici visto all’Euganeo il tecnico torinese ha schierato solo un titolare arrivato dal mercato estivo, il cursore mancino Andrea Beghetto, calciatore molto importante per la categoria e non a caso già protagonista di due promozioni con le maglie di Spal e Frosinone. Non sono comunque di secondo piano gli altri innesti apportati dal ds Artico: il baby portiere Russo, i difensori Mantovani e Benedetti, l’esperto bomber Marconi, peraltro cavallo di ritorno e prodotto del settore giovanile nerazzurro. Sono solo alcuni degli innesti apportati dall’area sportiva dei grigi, che probabilmente aggiungerà qualche altro elemento, come ha ammesso lo stesso Longo, da qui al 31 agosto. Una campagna acquisti di tutto rispetto, quindi, quella effettuata dal club piemontese, che non vuole lasciare nulla di intentato e spera di potersi giocare al meglio le proprie chance di salvezza, pur sapendo che il livello medio della prossima Serie B sarà molto impegnativo.

 LA SQUADRA In porta il posto da titolare se lo giocheranno l’esperto Pisseri, chiamato all’impatto con il “piano di sopra” dopo anni da grande protagonista in C e il sopracitato Russo, già convocato in Under e portiere di punta della classe 2001 italiana. Il pacchetto arretrato, che sarà probabilmente schierato a 3, è probabilmente l’unico che non subirà ulteriori rinforzi: a quattro potenziali titolari da Serie B già presenti nella passata stagione si sono aggiunti due importanti rinforzi, e va seguita con interessa la crescita del baby Macchioni, classe 2002 e autore di 11 presenze nella passata stagione. L’interprete titolare del centro-destra dovrebbe essere Parodi, terzino adattato a braccetto di destra per contrastare meglio la velocità degli attaccanti avversari.

Le corsie laterali dovrebbero vedere Beghetto a sinistra e Mustacchio a destra nelle vesti di titolare. Tante le alternative possibili, dai nuovi acquisti Pierozzi a Orlando, in gol domenica da subentrato, passando per Christian Mora. Quest’ultimo, classe ’97, è figlio di Zingonia: ha svolto l’intera trafila giovanile al “Bortolotti”, che raggiungeva comodamente essendo originario di Levate. In mezzo ci sarà spazio per un nuovo acquisto, probabilmente. A Padova si è vito il tandem Casarini-Giorno, complice anche la momentanea assenza per infortunio dell’espertissimo Bruccini, a cui non facilmente Longo rinuncerà.

Davanti è ancora tempo di sliding doors. Il bomber principe sarà Marconi, a maggior ragione ora che è stato accettato il suo ricorso contro la squalifica per una presunta frase razzista pronunciata a Obi in Pisa-Chievo dello scorso 22 dicembre. Da capire chi lo affiancherà: Corazza e Eusepi sono dati in uscita verso alcuni club ambiziosi di C, e probabilmente almeno uno dei due lascerà Alessandria. Sugli esterni domenica sono stati schierati Arrighini e Chiarello, un centrocampista nelle vesti di adattato. Probabilmente dal mercato arriverà almeno un rinforzo in questo ruolo, mentre spera di farsi spazio un altro ex nerazzurro, il classe ’96 Gabriel Lunetta, alla seconda chance in B dopo l’ultima annata alla Reggiana.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti