Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Ilicic cinico e colmato di affetto: una nuova ripartenza per il 72

Lo sloveno ha giocato una gran partita ieri contro l’Alessandria

In campo per quasi un’ora, fisicamente in condizione e apparso rinforzato da un punto di vista muscolare e strutturale rispetto a altre versioni passate. Una delle note più positive scaturite dalla “passeggiata” di ieri pomeriggio sull’Alessandria è senza dubbio Josip Ilicic. Il fantasista sloveno, schierato a destra con licenza di rientrare sul piede preferito, ha mostrato un paio di pezzi di bravura tipici del proprio repertorio, facendo spellare letteralmente le mani ai circa 4000 presenti al Gewiss Stadium. Due gol bellissimi, il secondo soprattutto, che ora possono segnare una nuova e definitiva ripartenza in maglia nerazzurra. Non molte altre le azioni offensive che lo hanno visto protagonista, ma tanto basta, si è visto un calciatore già in forma campionato: una gran notizia per tutto l’ambiente, soprattutto considerando le assenze con cui bisognerà fare i conti in occasione dei primi turni della nuova stagione.

UNO SCENARIO A SORPRESA  Fino a martedì mattina il suo destino pareva lontano da Bergamo, nonostante più di un tifoso sperasse nell’eventuale recupero del calciatore, senza dubbio tra i più forti e talentuosi visti in questi anni di vacche grasse all’ex Atleti Azzurri d’Italia. La cessione chiesta da JoJo già a maggio sembrava porre la fine sulla parentesi nerazzurra, aperta ormai quattro anni fa durante un giorno di inizio luglio, con l’Atalanta che aveva bruciato sul tempo la Sampdoria, che aveva già definito quasi tutti i dettagli dell’operazione. Poi il dietrofront, dovuto a un colloquio con Gasperini, che garantiva nuova fiducia al 72, anche per via della ritrosia della società a lasciarlo andare alle condizioni del Milan.

Tutte variabili che possono suggerire un nuovo inizio, nella città in cui ha mostrato, forse al pari di Palermo, il meglio del proprio sconfinato repertorio calcistico. Perchè, anche se gli anni a gennaio saranno 34, classe e qualità fanno sempre estremamente comodo, soprattutto se riferite a calciatori che possono decidere le partite da soli o quasi..

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti