Resta in contatto

News

Cavasin, un passato in Serie A: ora si rimette in gioco in Prima Categoria

Cavasin

Gran colpo del presidente Ibba che ha contattato Cavasin grazie ad un amico in comune. Obiettivo salire subito in Promozione

Giocatore e allenatore anche in Serie A. Classe 1956, Alberto Cavasin, si rimette in gioco dopo 3 anni e lo fa in Sardegna. Addirittura in Prima Categoria. A convincerlo il progetto presentato (grazie al contatto con un amico in comune) il presidente del Bari Sardo Calcio, Roberto Ibba espertissimo uomo di sport e una lunga carriera da dirigente. Il mister sarà dunque il trevigiano classe 1956, premiato con la Panchina d’oro nel 1999-2000, quando, alla guida del Lecce ottenne la salvezza in Serie A con Chimenti in porta e il bomber Lucarelli (15 gol) in attacco. Da giocatore è stato difensore nel massimo campionato, con le maglie di Atalanta, Catanzaro, Bari e Cesena. Chiuse la carriera al Padova in Serie B, nell’anno dei mondiali di Italia 90 per iniziare la carriera nelle giovanili dei biancoscudati avendo in organico l’allora 14enne Alessandro Del Piero.

L’ultima volta in panchina lo ha visto guidare il Santarcangelo, in Serie C, da inizio dicembre 2017 a fine marzo 2018. Ora l’avventura in Sardegna negli insidiosi campionati dilettantistici, partendo dalla Prima Categoria Girone C (quello ogliastrino-nuorese) ma per scalare subito la categoria. Sabato prossimo  il Bari Sardo Calcio lo presenterà ufficialmente alla stampa.

LE PAROLE DI CAVASIN. “Ho una grande voglia di rientrare e di mettere il mio entusiasmo e le mie capacità al servizio della squadra e della società – afferma il tecnico al quotidiano regionale l’Unione Sarda – Dopo anni in cui sono stato fermo e ho avuto modo di riflettere su tanti aspetti della mia vita, ora è arrivata questa proposta del Bari Sardo nata quasi per caso grazie ad un amico in comune con il presidente. Dopo attente riflessioni ho deciso di accettare la offerta e di lanciarmi in questa nuova sfida. Sono carico più che mai e non vedo l’ora di iniziare e di confrontarmi con questa nuova realtà in una terra, la Sardegna, dove non ho mai allenato ma che amo profondamente per la sua bellezza e la genuinità della sua gente”.

Ignazio Caddeo su CalcioCasteddu.it

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News