Resta in contatto

News

Paradosso Atalanta: vincente sì ma il vivaio conta sempre meno per la prima squadra

Scalvini

Nel 2016/17 nella rosa della prima squadra c’erano sei canterani; nel 2019, invece, i 98 gol messi a segno in campionato hanno avuto tutti firma straniera

L’Atalanta rappresenta un unicum e un’eccellenza per il nostro calcio, un modello di come si possano raggiungere traguardi sportivi importanti con una gestione economico oculata, che porti ad avere i bilanci costantemente in attivo. La dirigenza nerazzurra ha dimostrato grande attenzione a tutti gli aspetti legati alla società. Ha investito sulla prima squadra, ma anche sulle infrastrutture (Gewiss Stadium e Centro Bortolotti) e sul settore giovanile. Proprio su questo ultimo aspetto, però, c’è qualcosa che non torna o che per lo meno appare in contraddizione.

Atalanta: modello cambiato ma sempre vincente

Come riporta il Corriere dello Sport, per competere a certi livelli, l’Atalanta ha dovuto attingere sempre di più all’estero. Nel 2019 la rosa aveva il minor numero di giocatori italiani della storia (quattro) e delle 98 reti messe a segno in Serie A (record) nessuna è stata firmata da un calciatore nato nei confini nazionali. Avere meno quote italiane, però, non ridimensiona il lavoro fatto a Zingonia e due titoli Primavera in tre anni sono cosa da spellarsi le mani dagli applausi. Però, fa effetto pensare che solo cinque anni fa, nella rosa della prima squadra i canterani erano sei (Bastoni, Caldara, Conti, Gagliardini, Grassi e Sportiello) mentre oggi le cose sono diverse e ci si aggrappa a Roberto Piccoli (se dovesse restare a Bergamo) e Giorgio Scalvini, talentoso 2003 che mister Gasperini ha indicato come nuovo Bastoni ma che difficilmente vedremo nelle rotazioni. Insomma, il passaggio dal vivaio alla prima squadra è sempre più complicato, ma forse è lo scotto da pagare per competere a certi livelli.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News