Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Calcio Atalanta

Villarreal-Atalanta – Freuler la sblocca, Musso chiude la porta

Musso

L’Atalanta gioca contro il Villarreal, in trasferta, ottenendo un prezioso punto. Queste le nostre pagelle:

MUSSO 9

Gerard Moreno lo impegna seriamente al 34′ e lui gli dice di no con il piedone, una parata che vale un gol. Non può nulla, invece, sulla rete del pari spagnolo. Poco dopo chiude nuovamente la porta a Gerard Moreno con un miracolo. Sul vantaggio dei padroni di casa è incolpevole. Al 93′ nega, ancora una volta, a Gerard Moreno il gol. Una cosa è certa: questa notte l’attaccante se lo sognerà, e anche in quel caso Musso gli chiuderà lo specchio della porta.

TOLOI 7

Con le sue sortite offensive regala un uomo ai suoi compagni quando c’è da attaccare. Infatti a pochi istanti dal termine ha, potenzialmente, la palla del nuovo vantaggio. Ma con una quasi sconfitta, meglio così.

PALOMINO 6.5

Gli avversari gli sgusciano ai lati e servono le maniere cattive per fermarli. Si perde Gerard Moreno al 22′ ma per fortuna l’attaccante è impreciso. Rischia il cartellino in un paio di circostanze ma offre l’ennesima prestazione positiva di un inizio stagionale positivo.

DJIMSITI 6

Non è la sua migliore prestazione, soffre tanto le incursioni in velocità degli avversari. Gasperini lo capisce e manda in campo Demiral al suo posto.

ZAPPACOSTA 6.5

Dimostra di essere più che in forma, la corsa non manca. Aspetta qualche attimo di troppo in fase di conclusione e passaggio, però. E ciò impedisce all’esterno di concretizzare un paio di occasioni invitanti.

DE ROON 6

E’ alla prima stagionale e prende un giallo evitabile al 25′ dopo una trattenuta, che lo condizionerà per il resto della gara. L’azione della rete del pareggio spagnolo nasce da un suo passaggio intercettato dagli avversari.

FREULER 7

Scarica in porta con potenza e precisione, senza pensarci, la mette dentro. Con l’incoscienza di chi porta la sua squadra avanti in Champions. Quando riceve palla dalla difesa e riparte è quasi inarrestabile. In occasione del vantaggio spagnolo gestisce male la sfera, consegnandola agli avversari.

GOSENS 7.5

Ha sui suoi piedi la palla del parziale due a zero e prova a mettersi in proprio, peccato perché Malinovskyi era libero al suo fianco e, forse, meglio posizionato. Sfiora il nuovo vantaggio all’inizio della ripresa e si dispera, l’infortunio rimediato con la Germania è ormai un ricordo. La rete del pareggio è oro puro, da rapinatore d’area di rigore.

PESSINA 7

Da una sua ripartenza palla al piede, l’Atalanta sfiora il raddoppio. Poi sbaglia la conclusione per la stanchezza, ma la falcata è da applausi. Rientra sovente in difesa ed è utilissimo. Esce sfinito e dispiaciuto.

MALINOVSKYI 6.5

Incisivo e caparbio, quando punta l’avversario quasi sempre lo beffa mandandolo al bar. E quando prova a metterla sotto la traversa, all’inizio del secondo tempo, riesce a far tremare i cuori di tutto lo stadio.

ZAPATA 6.5

Da solo chiama a sé almeno due difensori, impegnandoli continuamente. E lasciando spazi gustosi per le incursioni di Pessina e Malinovskyi. Poco prima della mezz’ora ha una palla importante per il raddoppio e manda fuori, ma la posizione era in offside. Nella ripresa ci prova di testa e accarezza la traversa.

DEMIRAL 5.5

Entra al quarto d’ora della ripresa, in una serata dove gli attaccanti avversari corrono senza sosta. Non riesce ad ostacolare Gerard Moreno, che serve l’assist per il vantaggio spagnolo.

KOOPMEINERS 6

Entra e prova a dare uno scossone alla metà campo nerazzurra. Utilissimo quando l’Atalanta rimane in superiorità numerica.

PASALIC 6

La qualità non manca mai, quello è indiscutibile. Ma servirebbe qualcosa in più.

ILICIC 6.5

Il suo primo pallone toccato è un gioiello, vede i suoi compagni in area e serve una sfera che merita di essere insaccata. Come poi Gosens riesce a fare.

MIRANCHUK 6.5

Entra con il piglio giusto, si vede subito. Difatti poi tocca di tacco la sfera, in occasione del pareggio nerazzurro, servendo la palla a Gosens. Poi è utilissimo nei contropiede.

GASPERINI 7

I suoi entrano in campo e divorano, letteralmente, gli avversari. La sua Dea meriterebbe di chiudere il primo tempo sopra di tre reti, invece viene recuperata. Poi superata, ma l’Atalanta non muore mai. E la riprende.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Le pagelle di Calcio Atalanta