Resta in contatto

News

Gasperini al bivio turnover: sorprese tra Salernitana e Sassuolo?

Maehle

Che l’Atalanta fin qui schierata abbia precisato chi siano titolari e riserve è chiaro a tutti. Ma tra Salernitana e Sassuolo Gasperini potrebbe esserci turnover

“Il problema nelle partite ravvicinate sono gli acciacchi, perché non c’è tempo di recuperare”. L’ipse dixit di Gian Piero Gasperini, che sabato sera a detta di tutti farà esordire in mezzo dal 1′ Teun Koopmeiners, vale a maggior ragione quando al rientro dalla Champions League c’è da rituffarsi in campionato, anche se il tour de force avrà fine soltanto martedì 21 ospitando il Sassuolo. Turnover, per l’allenatore dell’Atalanta, è quasi una parolaccia. Ma lo spazio per altre sorprese, nell’ottica del doppio impegno in quattro giorni, stavolta c’è eccome.

GASPERINI E IL TURNOVER: SORPRESE? Duvan Zapata, in primis, non può caricarsi sempre da solo sulle spalle tutto il peso dell’attacco, reduce com’è da più di due settimane di stop per il trauma contusivo-distorsivo al ginocchio destro prima di iniziare la stagione sabato scorso con la Fiorentina. Si può giocare senza prima punta, quindi Josip Ilicic come nel finale martedì sera, oppure rischiare dallo start il match winner di Torino Roberto Piccoli. Stante l’assenza ancora per un mesetto di Luis Muriel per la lesione al quadricipite destro, il tecnico nerazzurro dovrà utilizzare massicciamente i centrocampisti offensivi e i fantasisti per lo più mancini nel mazzo.

SALERNITANA E SASSUOLO: IL TURNOVER. Partendo da dietro, innanzitutto, Merih Demiral almeno nella prima delle due partite ravvicinate dovrebbe dare il cambio a uno del trio di intoccabili Toloi-Palomino-Djimsiti, anche se il tucumano in questo momento pare inattaccabile. In mezzo, Mario Pasalic può dare il cambio allo stakanovista Remo Freuler, in attesa che Marten de Roon finisca di scontare la squalifica. In corsia, Joakim Maehle può concedere riposo a Robin Gosens o più facilmente a Davide Zappacosta, dentro dall’incipit per due serate di fila. Dalla cintola in su, invece, è tutta questione di dosaggio di risorse, forze e minutaggio, tra Matteo Pessina, lo stesso SuperMario, lo sloveno, Ruslan Malinovskyi e Aleksey Miranchuk.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Campione indimenticabile x noi interisti. Sembrava avere un fisico non atletico ma in realtà possedeva una grinta ed una energia che ne facevano un..."

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Ultimo commento: "UNICO VERO CAPITANO..ULTIMA BANDIERA GRANDE GLEEN BEI TEMPI IN CURVA NORD...FOREVER ATALANTA"
Advertisement
gollini

Cedere Gollini, Sportiello o entrambi? i tifosi hanno pochi dubbi

Ultimo commento: "Di cosa parli? Oggi trovare un terzo portiere disposto a fare panca per sempre in serie A è difficilissimo, visto che magari in B prenderebbero molti..."
Gollini

Quattro nomi per il dopo Gollini: chi preferite come portiere?

Ultimo commento: "Premetto che non ho mai giocato a calcio, ma vedere Gollini a 7-8 metri dalla Pisani durante le partite mi dava un senso di sicurezza! ...ho visto..."
Tomiyasu

I nomi per il mercato di rafforzamento: da Musso a Zappacosta, chi vorreste all’Atalanta?

Ultimo commento: "No no va benissimo così anche lui quando è arrivato non era quello di oggi certo dispiace ma ve lo ricordate contro il Napoli ebbene che ben vengano..."
atalanta

SONDAGGIO – Ti piacciono le nuove maglie dell’Atalanta?

Ultimo commento: "Fatti vedere da uno psicologo. Devi avere avuto in infanzia difficile. Molto difficile!"

Altro da News