Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sartori: “Il cambiamento dell’Atalanta nasce grazie a Gasperini”

Sartori

Sartori: “Tra ottobre e novembre manderemo dei collaboratori scouting in Brasile”

Il direttore dell’area tecnica nerazzurra Giovanni Sartori ha parlato al canale YouTube brasiliano Calcio parlato, o canal do futebol, bell’approfondimento dedicato alle vicende del calcio di casa nostra in lingua portoghese. Tante le dichiarazioni interessanti rilasciate dallo stesso dirigente lodigiano.

IL SALTO DI QUALITA’ “Nel nostro lavoro non c’è nessuna formula magica. È il frutto di un lavoro fatto in maniera eccellente dall’allenatore, quando è arrivato. Considera che in cinque anni, noi abbiamo giocato tre Champions, un’Europa League e conseguito il passaggio del turno, l’unica volta dove non abbiamo fatto nulla abbiamo perso i preliminari (contro il Copenaghen). Quindi per noi è il top: tre terzi posti, un quarto e un settimo posto. Questo nasce con l’arrivo di Gasperini, che ha cambiato l’aspetto tecnico, tattico, e anche soprattutto mentale. Alla fine è quest’ultimo a essere cambiato maggiormente, perché l’Atalanta era una squadra che lottava per salvarsi, alle volte entrava in campo pensando che un pareggio potesse essere un buon risultato in quei posti dove pensavi fosse impossibile vincere. Ora invece giochi a viso aperto, ovunque. Questo grazie, davvero, all’arrivo e alla trasformazione attuata dall’allenatore. A questo si aggiunge il grande lavoro della società: secondo me c’è stato abbiamo svolto uno scouting, considerando anche che siamo riusciti a mettere a disposizione dell’allenatore dei buoni giocatori e lui, sempre grazie alla capacità che ti dicevo prima, li ha trasformati in ottimi calciatori. L’Atalanta una società straordinaria, che non fa mancare niente a nessuno, è organizzata benissimo sotto tutti i punti di vista. Ha un centro sportivo all’avanguardia, dove si può entrare alla mattina e uscire alla sera, si può vivere qua. Tutte queste componenti, senza trascurare i tifosi che sono attaccatissimi alla squadra, si sono coese, fuse, amalgamate in modo ottimale. Questa fusione ha creato questo effetto dirompente”.

GASPERINI  “Ha questa visione di manager alla inglese per la gestione della squadra. La società ha dato a lui questa possibilità”.

PROPRIETA’ STRANIERE “Togliendo una proprietà ma mettendone un’altra altrettanto seria, competente, e che ami – non come la famiglia Percassi, che sono amati calcisticamente avendoci giocato – il club, forse i risultati sarebbero arrivati comunque. Non ho la risposta esatta”.

LA FINE DELLA FAVOLA CHIEVO  “Onestamente non riesco a darmi una spiegazione, una risposta esatta ed esaustiva. Perché sono sette anni che non ho più contatti con il Chievo, con Verona, per cui non posso saperlo. Certo che è un vero peccato, un delitto avere perso una squadra che ha fatto la storia di un quartiere di Verona che ha iniziato dai dilettanti, arrivando ai preliminari di Europa e Champions League. È stata un punto di riferimento per tutte le squadre neopromosse che nel loro campionato erano la novità. Si diceva il “Chievo di Svizzera”, il “Chievo di Norvegia”. È un dispiacere grandissimo, parlano di problematiche finanziarie ma non so se eran superabili o meno”.

BRASILEIRAO  “Noi seguiamo il campionato costantemente, propone sempre giocatori a tutto spiano. È ricco di qualità, di quantità. Noi abbiamo grandissimo interesse. Ne abbiamo presi due a oggi, Ibanez e Toloi, ma ne abbiamo trattati altri dieci senza riuscire a portarli all’Atalanta. Quando Ibanez è arrivato all’Atalanta era come un 2000 oggi, che arriva a gennaio, con un clima diverso perché fa freddo, ci sono 25 gradi diversi. Un’alimentazione diversa, una modalità differente di allenamento, i meccanismi di Gasperini che vengono metabolizzati in 2-3 mesi. Tutti, anche gli europei hanno avuto difficoltà, come le ha avute Arana. Ma per Ibanez il valore del giocatore era conosciuto, perché dopo sei mesi è arrivato alla Roma. Noi lo conoscevamo, lo abbiamo venduto al doppio ai giallorossi, tutti sapevano delle sue qualità”.

CHI NON E’ ARRIVATO  “I giocatori che abbiamo trattato, tra i più famosi, dove pensavamo di poterci arrivare, sono Luan del Corinthians e Verissimo dal Santos. Sono due dei nove/dieci giocatori che abbiamo provato a prendere e portare all’Atalanta. Tra ottobre e novembre noi vorremmo mandare dei collaboratori in Brasile, in questi giorni sto valutando di fare un viaggio perlustrativo per alcune verifiche già fatte a video. Ovviamente Covid e protocolli permettendo. Ci piacerebbe tornare in Brasile, io non penso di venire”.

GASP O…LA MOGLIE?  Viene poi chiesto se sia più facile andare d’accordo con il tecnico di Grugliasco o la moglie: “Con nessuno dei due (ride, ndr). Entrambi hanno dei momenti di trance agonistica e cambiano. A parte quei momenti, in questo caso parlando di Gasperini, è normale tu sia preso e vada allo scontro. Però finito quel momento è una persona piacevole e normale con cui puoi discutere. Nel momento della partita e dell’allenamento è talmente preso che è più difficile confrontarsi e parlare”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Atalanta

Tridente o trequartista per la scalata alla Champions? Vota il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Visti i primi risultati del sondaggio, mi sembra che l'unico con le idee confuse sia Gasperini. Cambia spesso e senza motivo la formazione, mettendo..."
gasperini

Atalanta “non da Europa”, l’esito del sondaggio: presto per gli obiettivi

Ultimo commento: "Sarebbe stata da champions se avessero allungato il braccino prendendo un esterno top e un trequartista alla Strefezza. Altra occasione persa."

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Hai ragione Pinocchio! Per fortuna non fanno parte della società. A parte che non ne hanno le qualità. Sarò sempre grato a questa società che ci..."
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Da non farselo sfuggire , comprarlo !!!"

Altro da News