Resta in contatto

News

D’Aversa, mea culpa a metà: “Con l’Atalanta hanno deciso gli episodi”

L’allenatore della Sampdoria manda giù il boccone amaro del ko con l’Atalanta esaltando la prestazione: “Tenuto fino al 95’”

“Il fatto di aver tenuto l’equilibrio fino alla fine significa aver giocato alla pari con una grande squadra. Il 3-1 finale condiziona i giudizi, ma sotto l’aspetto dell’impegno ci abbiamo creduto e provato sempre”. Roberto D’Aversa, a bocce ferme, esprime un giudizio sintetico quanto sereno sulla Sampdoria, sconfitta da un avversario riconosciuto come di un’altra categoria ma non superiore sul campo: “Forza fisica e delle qualità importanti, anche se la partita con l’Atalanta s’è decisa sugli episodi”.

D’AVERSA, EPISODI AVVERSI. “In primis per merito di Musso che ha negato la doppietta a Caputo. Non è colpa di Ciccio. Bisogna analizzarla con calma: il primo gol ospite è stata una palla persa da noi, non potevamo permetterci di giocarci la palla addosso regalandola nell’occasione a Malinovskyi, ha detto in sala conferenze al “Ferraris” l’allenatore dei blucerchiati.

D’AVERSA, LE LETTURE E I BABY. “Le letture sbagliate sono continuate nel secondo tempo quando abbiamo preso il terzo in superiorità numerica. Anche se sugli errori si può lavorare, bisogna ragionare sugli aspetti positivi e sulla prestazione. Che ha detto dell’importanza di alternative come Dragusin, adattato a destra e poi virato in mezzo perché è un terzo in una difesa a tre, e di Ciervo subentrato nella ripresa”.

D’AVERSA, CALENDARIO AVVERSO. “In questi dieci partite abbiamo affrontato tutte le quattro che disputano la Champions, non è un calendario facile. A parte l’Udinese abbiamo giocato contro tutte le migliori”.

D’AVERSA NON QUAGLIA. Quagliarella sta bene, se è partito dalla panchina è per una scelta. Mi serve come alternativa valida quando serve aumentare la forza offensiva, anche perché Torregrossa non è ancora al meglio. La scelta di far uscire Colley è stata per evitargli il secondo giallo”.

22 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News