Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Solskjaer: “L’Atalanta sembra quasi una squadra inglese, è propositiva”

Manchester United solskjaer

Il tecnico norvegese non si sbilancia sulla possibile difesa a 3

L’Atalanta ha tutto il rispetto di Ole Gunnar Solskjaer: “Hanno il loro stile, sono molto propositivi, giocano all’attacco. Posso capire perché l’Atalanta può essere definita come una squadra inglese, è molto appassionante vedere le loro partite. Anche prima di portare Amad qui avevamo visto le loro partite, è una bella società, un bel club, c’è brava gente. Siamo in contatto quando abbiamo portato Diallo qui”.

Ne ha tessuto le lodi, il tecnico norvegese, durante la conferenza stampa di oggi in vista del match di domani al Gewiss Stadium: “Sappiamo che hanno uno stile unico, loro aderiscono a quello stile, giocano sempre così. Ci siamo aspettati quella prestazione, ci sono delle piccole cose per vincere una partita in qualsiasi modo, come tutte le squadre. Proviamo e cerchiamo tutti di mettere in difficoltà. Possono creare problemi a qualsiasi altra squadra, attenzione”.

LE SCELTE “Quando in un club come il Manchester United sono tutti pronti, a disposizione, qualcuno deve andare in panchina. I giocatori devono allenarsi bene, però si devono motivare loro stessi. Succede sempre in un club come lo United che ci siano dei periodi dove non giochi, poi fai vedere il tuo carattere. Sono contento dell’atteggiamento. Stamattina c’era qualche piccolo acciacco, ma non troppo grave”.

LA CLASSIFICA “Siamo in una posizione decente, ma bisogna vincere anche fuori casa per passare alla fase successiva. Per ora concentriamoci, poi vedremo dopo la partita di domani. Sarà molto difficile, anche l’altra volta potevano andare sul 3-1 e De Gea ha fatto due parate eccezionali e abbiamo ribaltato tutto. Ci stiamo riprendendo, abbiamo poco tempo a disposizione, vediamo un po’ chi voglio schierare per domani sera”.

MODULO A TRE DIETRO? “Non posso svelare il piano di gioco, abbiamo una squadra che ci permette di giocare in vari modi. A prescindere dalla tattica e dal sistema, quel che conta sono i giocatori, come vanno in campo. Abbiamo visto la qualità ed è più importante. Abbiamo giocatori che permettono duttilità, abbiamo ali e terzini. Prima della gara con gli Spurs abbiamo deciso di giocare così. Quel che faremo domani non ve lo posso dire adesso. Dipende dalla qualità, poco importa il modulo, si tratta di giocate eccezionali. Siamo contenti del modo di difesa”.

I CAMPIONI DELLO UNITED “Poco importa la partita che gioca Cristiano, oppure Bruno. Hanno mentalità vincente, sono sempre molto motivati, sono arrivati al più alto livello. Non devono dimostrare niente a nessuno”.

LE CRITICHE Le critiche a volte ti possono far venire in mente dei dubbi, oppure ti alzi in piedi, alzi la testa e prendi le critiche come motivazione. Opinionisti, allenatori, ex giocatori… Abbiamo tutti ruoli diversi. Io non sono qui per lottare con loro, per litigare con i giornalisti”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News