Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Caddeo (CalcioCasteddu.it): “Atalanta favorita ma il Cagliari se la gioca”

Cagliari

Il giornalista che segue da vicino la squadra allenata da Mazzarri ci descrive il momento che stanno vivendo attualmente i sardi

Dopo il pareggio allo scadere conquistato sabato scorso contro la Lazio e quello subito martedì, in Champions League, contro il Manchester United, l’Atalanta ha fame di tre punti, ma sulla sua strada, sabato, troverà un Cagliari ultimo in classica e quindi non intenzionato a fare sconti. Per analizzare la sfida, abbiamo raggiunto Ignazio Caddeo, giornalista di CalcioCasteddu.it.

Caddeo, come mai il Cagliari fa tanta fatica in questa stagione?
Ogni estate vengono fatti buoni propositi, ma poi manca sempre la ciliegina sulla torta. Non dipende da una questione di programmazione ma da un’eccessiva perdita di tempo in sede di mercato. Penso ai casi Nainggolan in passato Nandez, questa estate, che sono costati molto in fatto di energie. Questo porta all’ultimo giorno di mercato dovendo fare delle operazioni che rischiano di essere delle scommesse come Bellanova o Keita Balde che non ci sarà. C’è da dire che Pavoletti sta trovando più spazio dopo un periodo in cui sembrava essere diventato il terzo attaccante quando, invece, avrebbe bisogno di essere al centro del progetto”.

Pavoletti è un po’ il simbolo delle difficoltà della squadra?
“Pavoletti è stato il giocatore più pagato nella gestione di Giulini prima di Nadnez. Ha iniziato bene la su avventura in rossoblù, ma poi gli infortuni l’hanno condizionato pesantemente e per tanto tempo. Ora sta trovando continuità e vedrà cosa accadrà. Lui e Godin sono l’esempio delle difficoltà del Cagliari”.

Che presidente è Giulini?
“In questo momento non è visto benissimo perché i risultati non stanno arrivando. Da quando ha preso la società da Cellino, l’ha riorganizzata, inserendo un direttore sportivo, un direttore generale e un capo scouting. A livello manageriale è stato fatto un ottimo lavoro, ma come presidente ha commesso qualche errore come, ad esempio, innamorarsi di situazioni astratte come Van der Wiel o Almunia”.

Che ambiente deve aspettarsi l’Atalanta sabato?
“Il pubblico mi è piaciuto molto nell’ultima partita in casa perché durante i novanta minuti c’è stato solo tifo per i giocatori, nonostante la squadra sia ultima in classifica. Dopo, chiaramente, un po’ di contestazione c’è stata. Questo in passato non accadeva”

Parliamo della squadra: che Cagliari sarà quello che schiererà Mazzarri?
“Sarà un Cagliari arrabbiato e che dopo il ko di Bologna è stato messo spalle al muro. La squadra è in ritiro da ieri e l’unica certezza in questo momento è mister Mazzarri. A gennaio ci sarà una rivoluzione e chi non si mette in riga rischia di andare via. Penso che tra quelli che saluteranno ci sarà Nandez che è destinato ad andare via, magari in uno scambio con Vecino dell’Inter. Ora, però, bisogna agire con decisione. Con Mazzarri la tenuta atletica è migliorata, mail tecnico deve ancora capire come indirizzare la squadra, se possa adattare il suo 3-5-2 o cambiare in corsa, magari passando al 4-4-2 che secondo me è il modulo più idoneo”.

Per concludere: Atalanta favorita sabato sera?
“L’Atalanta è nettamente favorita per organico e qualità. Se squadra e allenatore lavora insieme da tanto tempo, come nel caso dei nerazzurri, anche i nuovi arrivi si inseriscono bene bene. Il Cagliari ha delle difficoltà, ma specialmente dopo il ritiro penso che i rossoblù possano offrire una grande prova o per lo meno ribattere colpo su colpo perché ha degli uomini di valore. Il punto interrogativo è Strootman che ha giocato ben al di sotto del suo livello”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
d'amico atalanta

SONDAGGIO – Che voto date al calciomercato invernale dell’Atalanta?

Ultimo commento: "Zero Le fasce erano e sono rimaste con giocatori nn da Europa"
gasperini

Atalanta “non da Europa”, l’esito del sondaggio: presto per gli obiettivi

Ultimo commento: "Se pressiamo costanti costanti senza fiato sugli avversari in possesso palla senza lasciargli altra soluzione che il lancio lungo allora non può che..."

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Hai ragione Pinocchio! Per fortuna non fanno parte della società. A parte che non ne hanno le qualità. Sarò sempre grato a questa società che ci..."
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Da non farselo sfuggire , comprarlo !!!"

Altro da Rubriche