Resta in contatto

Approfondimenti

Caldara torna al gol e… fa un bel favore anche alla Dea

Caldara

Gol per il centrale di Scanzo ieri al Penzo, e il successo del Venezia fa sorridere anche l’Atalanta

Un sorriso grandissimo ieri avrà investito Mattia Caldara e tutti coloro che gli sono stati vicini in questi ultimi difficili anni. Un lungo periodo nero, dovuto soprattutto agli infortuni, che ha portato il centrale di Scanzorosciate a passare da promessa del calcio italiano a calciatore praticamente mai utilizzato nel corso delle esperienze con Milan prima e Atalanta poi. Nemmeno il ritorno a casa, durato un anno e mezzo, ha infatti avuto effetti particolarmente benefici per il ragazzo, non a caso non riscattato nonostante i buoni propositi della società in tal senso al momento del riacquisto.

Il gol segnato alla Roma, infatti, può davvero rappresentare un nuovo inizio per il classe ’94, a Zingonia sin da bambino e molto legato all’ambiente nerazzurro non a caso. A onor del vero va infatti sottolineato come gli inizi in quel di Venezia non fossero stati brillanti, anche alla luce delle ovvie difficoltà che avrebbe incontrato una squadra con in rosa pochissimi calciatori nella categoria. La squadra sembra, ora, però aver trovato un suo equilibrio, con gerarchie più definite nei vari ruoli e una maggior continuità a livello di rendimento.

27 anni per un centrale di difesa indicano ancora la possibilità di ritagliarsi un suo spazio e sperare di scrivere altre pagine importanti in carriera, anche perchè le qualità del calciatore sono note a tutti sin dai tempi della Primavera nerazzurra e del fruttuosissimo prestito a Trapani. Con lui, durante quell’avventura, c’era anche l’attuale compagno di squadra Mattia Aramu, numero 10 del Leone che ieri ha confezionato l’assist per il gol dello stesso Caldara. Entrambi hanno contribuito, a livello di classifica, a dare una bella mano anche alla Dea, ora quarta in solitaria…

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Che tu sia un dipendente pubblico del settore pubblico o privato, lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, lavori in qualsiasi settore di..."
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Che tu sia un dipendente pubblico del settore pubblico o privato, lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, lavori in qualsiasi settore di..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Gosens aveva difeso il Papu. Aspettavano solo l'offerta giusta per cederlo"

Altro da Approfondimenti