Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Atalanta, senti Caldara: “A Bergamo non riuscivo a dare quello che volevo…”

Venezia Roma caldara

Il difensore bergamasco si sta ritrovando al Venezia, domenica è andato a segno contro la Roma

Dopo la partita sontuosa giocata contro la Roma, il difensore cresciuto nell’Atalanta Mattia Caldara, oggi al Venezia, parla a La Gazzetta dello Sport degli ostacoli superati in passato e dei sogni futuri: “(…) Anche se ho avuto infortuni uno dietro l’altro e gravi al Milan, non ho mai pensato che non ce l’avrei fatta. Per rientrare ci mettevo sempre qualche mese e ogni volta che mi sentivo vicino a stare bene arrivava un altro k.o. più pesante. Questa cosa l’ho subita mentalmente, non lo nego. Non è stato per niente facile, ma dentro di me c’è sempre stata la speranza che una volta che avessi raggiunto un certo equilibrio psico-fisico, sarei tornato quello dell’Atalanta”.

SECONDA VOLTA A BERGAMO.In quel periodo lì non riuscivo a dare quello che volevo. Non ero pronto mentalmente e poi è arrivato anche l’infortunio al tendine. Senza continuità è dura. Allenarsi è un conto, giocare partite è un altro”.

FIDUCIA A VENEZIA. “Dico la verità: avevo altre opportunità che stavo valutando. Ma poi sono venuti Zanetti e il direttore Collauto a casa mia per parlarmi. E ho sentito che avevano più fiducia loro in me che io stesso. E’ stata una scelta emozionale più che di testa. Non è stata una decisione facile, e devo ringraziare anche il mio procuratore (Riso, ndr.) che mi è stato molto vicino quest’estate. Sapevo che dovevo rischiare qualcosa in più, fare un passo indietro per due balzi in avanti. E ho fatto bene. E’ l’ambiente ideale, grazie al Venezia ho potuto rimettermi in pista dopo tanti anni, giocare con continuità. Siamo una squadra con grandi idee, abbiamo un’identità, dobbiamo continuare a credere nel nostro gioco”.

SOGNO NAZIONALE. “Per ora è un pensiero lontano. Ci vogliono parecchie prestazioni di livello. E poi non sarebbe giusto ambire all’azzurro in questo momento. Perché la Nazionale è già forte e ci sono tanti calciatori del mio ruolo che stanno facendo molto bene. Dunque, un passo alla volta. Il mio obiettivo ora è dimostrare che son tornato davvero. E fare il meglio per questa società che mi ha accolto alla grande”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News