Resta in contatto

News

L’incredibile lavoro di Gasperini sui difensori, Demiral l’ultimo di tanti

Il turco è solo l’ultimo di una serie di difensori valorizzati al massimo da mister Gasperini

La grande prova sfoderata da Merih Demiral sabato sera all’Olimpico ha definitivamente confermato la grande crescita che il ragazzo sta avendo, anche solo a livello di continuità di impiego, a Bergamo. Alla Juventus l’ex Sassuolo, infatti, non aveva mai avuto una vera continuità di impiego, pur mostrando doti che potenzialmente ne mostravano la qualità in prospettiva. Un lavoro specifico che mister Gasperini ha dimostrato di saper compiere anche con tanti altri pari ruolo, soprattutto se di giovane età, portando in dote incassi strepitosi alla società e patrimoni tecnici super valorizzati rispetto al momento del loro arrivo a Zingonia.

Il primo fu, in principio, Mattia Caldara, al primo anno di Serie A dopo il prestito a Trapani e impostato come perno del terzetto difensivo nella famosa Atalanta “giovane e italiana” del 2016/17.. Poi venne la volta di Gianluca Mancini, arrivato nell’ambito del discusso scambio con il Perugia che vide coinvolto il baby portiere Santopadre, figlio del patron del Grifo. Dopo un primo anno di adattamento si impose nella seconda stagione, facendo addirittura registrare tre reti segnate di fila in tre gare a novembre 2018.

Più recente è l’esempio del Cuti Romero, il cui valore è triplicato nel giro di un anno, con tanto di vittoria della Copa America da titolare e protagonista assoluto. Importante anche il ruolo avuto dall’allenatore grugliaschese, tra gli altri, con uno dei migliori centrali d’Europa anche in prospettiva: Alessandro Bastoni. Pur non avendolo mai promosso a titolare della sua Atalanta, il difensore di Piadena ebbe modo di debuttare nel calcio professionistico, al pari del coetaneo Melegoni, proprio grazie ad un’improvvisa intuizione del Gasp in un Atalanta-Sampdoria.

Da non dimenticare, oltre ai sopracitati, che hanno fatto entrare nelle casse del club oltre 150 milioni negli anni, anche il percorso compiuto da gente come Djimsiti Palomino, intorno ai quali lo scetticismo era palpabile al momento dell’arrivo in nerazzurro, con il primo addirittura retrocesso in B con il Benevento senza la garanzia di una maglia da titolare. Da anni sono sinonimo di efficienza ed affidabilità per i colori nerazzurri. Chi invece ha lasciato Bergamo ha, chi più chi meno, avuto qualche difficoltà: un semplice caso o c’è qualcosa di più?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News