Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Bacheca del Tifoso

Articolo del tifoso – “Fine di un’era? No. Il futuro è scritto: arriveranno gioie”

Vi proponiamo “l’articolo del tifoso” nerazzurro scritto da Paolo Andrea Corna e inviato alla nostra redazione

La fine di un’era? No. Nel mio lavoro i dati sono alla base di tutto. Come consulente di marketing digitale non mi posso permettere di arrivare da un cliente e suggerire strategie senza aver prima fatto i cosiddetti compiti a casa. I miei compiti a casa sono i dati. Da tifoso a oltranza della Dea – e tengo particolarmente a questo “a oltranza” – oggi più che mai necessito di analizzare i dati: è l’unico modo per comprendere questa stagione. Osservare i numeri però non è semplice, è un pó come interpretare la Bibbia: si puó incorrere ad errori grossolani e fondare cosí una nuova religione di punto in bianco. Ci sono due numeri che necessitano una riflessione: infortuni e goal in meno. Agli infortuni sì alcuni siamo riusciti ad ovviare, ma i 20 goal in meno dello scorso anno hanno un nome e un cognome: senza il nostro terminale offensivo, il gioco del nostro Vate non trova sbocchi. Duvan Zapata per noi é tutto: una punta che fa salire la squadra, che crea varchi, che sposta le difese, che fa goal e che li fa fare. È inutile ad oggi parlare di stagione fallimentare o di fine di un ciclo: ci saranno certamente calciatori che lasceranno Bergamo, ma ce ne saranno altri che arriveranno. Il ciclo finirà quando Gian Piero Gasperini se ne andrà. Il nostro direttore d’orchestra, amato o no, è l’artefice unico di questo ciclo. Abbiamo 8 partite da giocare, 24 punti sul piatto e un’Europa League che potrebbe, nella migliore delle ipotesi, regalarci una finale come Atalanta Barcellona. L’unico match degno di nota è quello con il Milan, gli altri sono assolutamente alla nostra portata: partite che potremmo vincere senza difficoltà e non lo dico con arroganza, lo dico pensando di nuovo ai dati: in questo momento di campionato la nostra squadra, come ogni anno, è atleticamente superiore alle altre. Duvan sta rientrando poco alla volta; Boga poco alla volta si ambienterà e il gioco non manca: non è mai mancato. Abbiamo un portiere che necessita fiducia e quest’anno gioca a Bergamo, non a Udine: le ambizioni nostre sono diverse da quelle dei friulani e un po’ di insicurezza è normale. Cerchiamo di avere fiducia e non dimentichiamo che gli anni del Gasp sono anni eccezionali: stiamo vivendo un momento eccezionale e il bello deve ancora venire. La nostra normalità era salire e scendere dalla B e cercare di arrivare a 40 punti: ora, con la nuova partecipazione americana, potrebbero salire gli ingaggi facendo in modo di attirare altri giocatori a Bergamo. Il nostro futuro è scritto: arriveranno delle gioie”.

34 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Bacheca del Tifoso