Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Ursino saluta Crotone, fu il primo a puntare su Gasp nel professionismo

Grande ds e scopritore di talenti, ha sempre definito Gasperini come il miglior allenatore da lui mai avuto

Si è chiusa nella giornata di ieri un’era in casa Crotone: Giuseppe Ursino, per tutti Peppe, lascia dopo ben 27 anni il ruolo di direttore sportivo della società pitagorica. Considerato un’istituzione da quasi tutti a livello di scelta dei calciatori e costruzione delle squadra, è stato il vero artefice del periodo più felice della storia del club, ora chiamato a ripartire dalla Serie C a distanza di ben 13 anni dall’ultima volta.

Tantissimi i calciatori di livello a cui ha dato chance importanti per costruire le future carriere. La Calabria è, infatti, stata la prima tappa dopo l’uscita dalle rispettive Primavere per calciatori come Konko, Aronica, Mirante, Cataldi, Bernardeschi Florenzi, ma La Città di Pitagora ha ospitato passaggi importanti del percorso anche di molti altri: da Sansone al milanista Messias, domenica avversario dell’Atalanta, passando per Pellè, Gianmarco Ferrari e Morleo. Allo Scida fu anche la prima tappa nel calcio che conta di mister Gian Piero Gasperini, che dal 2003 al 2006, non senza un esonero di mezzo, preparò il terreno in vista di un futuro importantissimo. Ottenne, tra le altre cose, una promozione dalla Serie C alla B.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti