Resta in contatto

News

Auguri a Chevanton, due gol e… retrocessione

Un’avventura durata da novembre a primavera, poi il crac tendineo posteriore destro. In gol solo con Bologna e Livorno, Chevanton ha lasciato il ricordo della Maserati

Alzi le mani chi ha mai visto un calciatore di grido girare con la Maserati bianca. Ernesto Javier Chevanton, passato da Zingonia dal novembre 2009 alla primavera successiva, segnando nel 2-2 di Bologna e nel tris al Livorno prima di farsi male tra soleo e popliteo del polpaccio destro di cartavelina, ne è stato o ne è tuttora un possessore, da tecnico ultimamente in forza all’Under 15 del Lecce, la sua vera squadra italiana a parte l’Atalanta cui non impedì la retrocessione. Il piccolo, potente, razzente attaccante uruguaiano dalla botta proibita oggi, venerdì 12 agosto, spegne 42 candeline.

I 42 DI CHEVANTON, 6 MESI E RETTROCESSIONE. 12 soltanto le presenze, da prestito sivigliano poi non riscattato, per chi aveva fatto grandi cose nel Salento da mare, sole, vento e calcio d’autore, nell’annata stortissima in nerazzurro. Giunto in prestito dalla calda Andalusia già dal 26 novembre 2009, il nostro – in feroce ritardo di condizione – potè esordire con la maglia della Dea nella sconfitta di Palermo del 10 gennaio successivo: due mesi ad allenarsi sotto Antonio Conte, il Defenestrato dell’Epifania – 0-2 dal Napoli e cazzottone nell’antistadio -, e per la sua prima alla Scala del pallone orobico in tono minore c’è l’uomo dell’interim, Valter Bonacina, destinato a tornarsene alla guida della Primavera cedendo a Lino Mutti da Trescore l’ingrato onere di provare a inventarsi la ciambella di salvataggio. Missione fallita per tutti, anche per l’ometto simpatico di Juan Lacaze, nato nel Danubio, diventato qualcuno in Europa grazie al Monaco e poi passato senza troppe tracce da Colon, ancora Lecce, QPR, Liverpool Montevideo e Soccer Dream Parabita con scarpette al chiodo a quota 38. Un carrierino da 354 allacciate di scarpe e 370 palloni nel sacco, più 22 e 7 nella Celeste. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News